Il portale del Medico del Lavoro Competente

Sezioni del portale

Ricerca

Login

Network

Standards web

Valid XHTML 1.1! Valid CSS!

Il paziente: Uomo, 51 anni, Operaio specializzato: addetto produzione componentistica auto

Segnalato da
GiovanniGuglielmi
Settore produttivo
Metalmeccanica
Anzianità lavorativa specifica
26
Note anamnestiche
Episodi ciclici di cefalea dopo il servizio militare

Nel settembre 2000 in seguito ad episodio di perdita di coscienza in ambito lavorativo è stato trasportato all'Ospedale dove è stato ricoverato per otto giorni e dimesso con la diagnosi di: "episodio critico funzionale" e terapia medica a base di Depakin e Xanax.

Nel Febbraio 2001 nuovo episodio con deficit motorio emilato destro con ulteriore valutazione ospedaliera.
Segni e sintomi
Durante il colloquio anamnestico il p. ha presentato una crisi tonico-clonica dell'emisoma destro con grossolani tremori della durata di alcuni minuti che è regredita con l'assunzione di una compressa di Xanax.



Dal punto di vista internistico non si segnalano alterazioni rilevabili all'esame obiettivo dei principali organi ed apparati. La pressione arteriosa risultava nei limiti 130/80 mmHg.

La valutazione neurologica al termine della crisi predetta ha mostrato delle oscillazioni con retropulsioni ben evidenti a destra.

Per quanto concerne il rachide lombare si è rilevata limitazione e rigidità ai gradi estremi con limitazione della flessione anteriore del busto a 20 cm da terra.
Esami effettuati
- Cartella clinica ricovero U.O. Neurologia con diagnosi di: "episodio critico funzionale". L'esame RM dell'encefalo non poneva in evidenza alterazioni patologiche degne di nota. L'esame EMG dimostrava: "tracciato ricco in frequenze rapide (da neuropsicofarmaci?).Non anomali epilettiformi anche in corso di crisi motoria destra". Note: utile attività lavorativa in ambiente a basso rischio stressogeno".

- Prestazione di Pronto Soccorso per episodio con riferito deficit motorio emilato destro in soggetto in trattamento…Paziente depresso e polarizzato su tematiche personali lavorative.

- Consulenza psichiatrica: "quadro psicopatologico compatibile con: Disturbo da conversione".
Diagnosi/Sospetto diagnostico
Quadro psicopatologico compatibile con: Disturbo da conversione
Giudizio di idoneità
Dopo un lungo periodo di astensione lavorativa per malattia, come dovrà comportarsi il medico competente per quanto riguarda l'idoneità?
Implicazioni medico-legali
La ditta ha anche proposto un eventuale trasferimento ad altro reparto :



1)Ricezione:

Immagazzinamento materiali (componentistica meccanica)

Scarico degli automezzi con carrelli

Magazziniere



2)Spedizioni:

Preparazione ed imballaggio casse (prodotti finiti, peso >15 20 kg)

Carico mezzi

Analisi delle spedizioni

Emissione dei documenti



3)Distribuzioni materiali (piccola componentistica)

Commenti (1)

1. dfragomeno

Al rientro lavorativo, dietro richiesta del lavoratore, e nell'eventualità della persistenza della sintomatologia neuropsichiatrica sarebbe corretto porre delle controindicazioni temporanee (min.sei mesi) per lavori a ritmo sostenuto, svolgentesi in ambienti rumorosi (Lep-d >85 dbA) e comportanti salita su scale e ponteggi, guida di automezzi aziendali e svolgentesi di turno notturno. Da rivedere alla scadenza.

(dfragomeno 01/05/2002)

MedicoCompetente.it - Copyright 2001-2020 Tutti i diritti riservati - Partita IVA IT01138680507

Privacy | Contatti