Il portale del Medico del Lavoro Competente

Sezioni del portale

Ricerca

Login

Network

Il paziente: Uomo, 39 anni, saldobrasatore

Segnalato da
dr.alesiani
Settore produttivo
industria
Anzianità lavorativa specifica
11
Note anamnestiche
Pregreaa epatite b (eroina)
Da 5 anni negativizzato, portatore sano
Occasionali rialzi got
Da NOVE mesi assume sotto controllo del neurologo : litio,benzodiazepina,ac.valproico)
Segni e sintomi
App.nulla,lieve acc.ne margine epatico, ecografia epatica= lieve aspetto steatosico, vis.oculistica negativa
Esami effettuati
Transaminasi elevate (100 ca) ygt (90)
Cupremia a maggio nella norma (60-165) , a settembre 192 ,a dicembre 155 (ha sospeso un mese i farmaci, almeno in parte), attualmente 242 , ha ripreso stabilmente i farmaci.
Negli anni precedenti , pur viaggiando nel border-line, sempre nella norma.
Diagnosi/Sospetto diagnostico
epatopatia da farmaci
Giudizio di idoneità
SOSPESO DALLA MANSIONE DI SALDOBRASATORE
Implicazioni medico-legali
sottoponendolo a questi controlli ravvicinati, pur convinto che l'esposizione al metallo non sia la causa, come posso non tener conto dell'ingravescenza del dato chimico?

Da settembre ad ora pur restando nel reparto non ha espletato funzioni di saldobrasatura.
Le indagini ambientali sono tutte bel al di sotto dei limiti di esposizione.

Commenti (2)

1. Rame

Idoneità al lavoro con metaboliti fuori range

(dr.alesiani 21/02/2005)

2. Normale, data la situazione

Immagino che sia già stata esclusa la possibilità di una malattia di Wilson, magari mediante monitoraggio del rapporto cupremia/cupruria (V.N. cupruria = 15-70 microgrammi nelle urine delle 24 h). In chimica clinica, l’ipercupremia è frequente in gravidanza specie nel 3° trimestre (e non è questo il caso) oppure in diverse malattie neoplastiche ed infine, e qui forse facciamo bingo, nelle epatiti croniche nonché nelle malattie epatiche in genere. Se il lavoratore ha avuto l’epatite B, insomma, ha parametri enzimatici decisamente oltre soglia, è del tutto normale che sia aumentata anche la cupremia. Giusta quindi l’ipotesi di estraneità dell’esposizione professionale, in questo caso, che peraltro a quanto riferito è irrilevante. Però, le transaminasi alte e la cupremia risalita mi danno a che pensare: anche nella cirrosi, la cupremia aumenta molto…
Nofer

(nofertiri9 12/04/2005)

MedicoCompetente.it - Copyright 2001-2022 Tutti i diritti riservati - Partita IVA IT01138680507

Privacy | Contatti