Il portale del Medico del Lavoro Competente

Sezioni del portale

Ricerca

Login

Network

Il paziente: Uomo, 37 anni, Cantiniere e (secondariamente) addetto all'imbottigliamento

Segnalato da
tonyporro
Settore produttivo
Azienda vinicola
Anzianità lavorativa specifica
13
Note anamnestiche
Nel dicembre 1996 diagnosi di steatosi epatica. Nei primi mesi del 2001 diagnosi di epatopatia cronica HBV correlata. Non ha eseguito biopsia. Da tale data riferisce di essere diventato astemio (precedentemente aveva sempre riferito in sede di anamnesi di essere un modico bevitore). Tranne minimi e saltuari innalzamenti del valore di Gamma-GT, gli indici di funzionalità epatica sono sempre risultati nella norma. Esegue al bisogno terapia con FANS per lombosciatalgia.
Segni e sintomi
Buone condizioni generali. Milza e fegato nella norma.
Esami effettuati
Su richiesta del lavoratore e d'accordo con il ddl ad inizio settembre 2002 (in piena campagna di vinificazione) è stata effettuata la determinazione dell'alcoolemia. Il lavoratore ha dichiarato di non aver assunto alcool nelle 48 ore precedenti al prelievo. Il valore riscontrato è risultato pari a 3 mg/dl.
Diagnosi/Sospetto diagnostico
Epatopatia cronica da HBV
Implicazioni medico-legali
La determinazione ematica dell'alcool etilico è stata effettuata su richiesta del lavoratore al fine di conoscere se la mansione da lui ricoperta possa determinare un peggioramento della malattia epatica. A giudizio dell'enologo dell'azienda la mansione di cantiniere comporta un'esposizione "ambientale" ad alcool, più marcata nei periodi di trasformazione del mosto. Non sono mai state eseguite comunque indagini in tal senso. Rimane il dubbio se i valori di alcoolemia riscontrati siano riconducibili a tale esposizione (non ci sono motivi per credere che il lavoratore abbia mentito sull'assunzione di bevande alcooliche), se essi siano capaci di influire sfavorevolmente sull'epatopatia su base infettiva e se si renda necessario un giudizio di inidoinetà alla mansione di cantiniere (tra l'altro, con possibili ripercussioni sul mantenimento del posto di lavoro dato che l'imbottigliamento viene effettuato solo per periodi di tempo non prolungati).

Gradirei conoscere se qualche collega ha già affrontato casi simili o comunque possa darmi indicazioni riguardanti i dubbi suesposti.

MedicoCompetente.it - Copyright 2001-2023 Tutti i diritti riservati - Partita IVA IT01138680507

Privacy | Contatti