Il portale del Medico del Lavoro Competente

Sezioni del portale

Ricerca

Login

Network

Standards web

Valid XHTML 1.1! Valid CSS!

Il paziente: Uomo, 38 anni, autotrasportatore (cisterne di sfarinati di cereali)

Segnalato da
fracchiolla
Anzianità lavorativa specifica
16
Note anamnestiche
fumatore di 20 sigarette/die. Nel 2002 angioplastica coronarica per angina da sforzo. Terapia in atto con beta-bloccanti e cardioaspirina. Attualmente riferisce benessere. Alla visita nulla di rilevante
Segni e sintomi
attuale benessere. Nulla di rilevante alla visita
Diagnosi/Sospetto diagnostico
cardiopatia ischemica trattata con PTCA.
Giudizio di idoneità
non ancora espresso
Implicazioni medico-legali
La mansione di autista, avendo come rischio specifico l'esposizione e vibrazioni per tutto il corpo, non preveda rischi cardiovascolari importanti. Tuttavia si tratta di una mansione che prevede orari di lavoro stressanti, con partenza anche alle 5 del mattino e lunghi periodi di permanenza alla guida del mezzo. Normalmente, per soggetti diabetici o cardiopatici o affetti da altre patologie extra-lavorative, ritengo che il medico del lavoro non si debba sostituire alla Prefettura nel giudicare l'idoneità alla guida per il rilascio della patente ma che si debba limitare a valutare l'influenza del rischio specifico lavorativo sullo stato di salute del soggetto. In altri termini, in questo caso, a rigor di logica, il soggetto sarebbe idoneo. Potete esprimere la vostra opinione in merito?
Grazie

Commenti (4)

1. ipersuscettibilità individuale o rischio aggiuntivo individuale?

boh, io non sono medico, lo sapete. Però ritengo che nella Medicina del Lavoro il medico deve non solo assicurarsi che il rischio professionale non aggravi delle patologie anche extra professionali, ma anche valutare se tali patologie possono o meno essere sorgente di rischio aggiuntivo ad personam. Giustappunto, alcuni diabetici o alcuni cardiopatici non sarebbe il caso guidassero in assoluto, ma a questo dovrebbero provvedere i medici che visitano l'aspirante nuvolari. Però, tu l'hai visitato, e solo tu puoi dire se ti sembra "assimilabile" ad un soggetto che non ha questa anamnesi personale. Se ti sembra di sì, allora ok, magari chiedi una periodicità ravvicinata. Se ti sembra che non sia il caso, perchè magari l'ECG più recente ti lascia non tranquillo, la scelta è tua, squisitamente tua. Magari, una domandina all'INAIL per vedere come la prenderebbero loro se per caso il lavoratore avesse un incidente causato da malore (e non dal fatto che correva come un pazzo nella notte a fari spenti) potrebbe non starci male. D'altra parte, la medicina alla fine è un'arte molto più che non una scienza, perchè al fatto 1 non sempre segue il fatto 1+, che può accadere stocasticamente, oppure irritualmente come conseguenza del fatto 313.825.

(nofertiri9 18/11/2007)

2. idoneità difficile

questo mi smbra un caso di idoneità difficile. il dipendente,sottoposto a s.s. per le vibrazioni al corpo intero è,rispetto a tale rischio,idoneo. Il problema è che,avendo subito una p.t.c.a.,potrebbe non avere i requisiti per il possesso della patente di categoria superiore ( C,D, ecc..),necessaria per svolgere la mansione di autotrasportatore. Tu non puoi,come M.C., darne comunicazione alla Prefettura o alla Motorizzazione Civile per una eventuale revisione della patente. Secondo il mio parere quello che puoi fare è sospendere il giudizio di idoneità e comunicare al datore di lavoro l'opportunità di una visita collegiale ex art.5 oppure chiedere allo SPRESAL quale sarebbe la procedura piu' corretta da attuare in queti casi.

(clamagio2@tin.it 18/11/2007)

3. idoneità facile

credo che se tutte le persone che abbiano avuto angioplastica nei 5 anni precedenti fossero fatti non idonei sarebbe dura da spiegare sia in termini epidemiologici che che in termini puramente probabilistici.
Pertanto credo che sia adeguato un giudizio di idoneità magari con alcune prescrizioni e riduzione se proprio voglio un maggior controllo, della periodicità.

(paco 25/11/2007)

4. Idoneità specifica

ritengo, come già scritto in altre parti, che il MC debba valutare l'idoneità specifica con eventuali limitazioni e prescrizioni solo sulla base di una idoneità generica alla guida espressa dalla Commissione Provinciale patenti.

(cosmico 02/05/2008)

MedicoCompetente.it - Copyright 2001-2020 Tutti i diritti riservati - Partita IVA IT01138680507

Privacy | Contatti