Il portale del Medico del Lavoro Competente

Sezioni del portale

Ricerca

Login

Network

Standards web

Valid XHTML 1.1! Valid CSS!

Criteri per la denuncia ex D.M. 27/4/04 delle spondilodiscopatie del tratto lombare e dell'ernia discale lombare

Copertina di Giornale Italiano di Medicina del Lavoro ed Ergonomia
Inserito il
29/08/2006
Rivista
Giornale Italiano di Medicina del Lavoro ed Ergonomia
Riferimento
G. Ital Med Lav Erg 2005; 27:4,401-406
Recensione a cura di
ex utente da milano

Autori

M. Coggiola, Università di Torino - Dipartimento di Traumatologia, Ortopedia e Medicina del Lavoro
C. Romano, Università di Torino - Dipartimento di Traumatologia, Ortopedia e Medicina del Lavoro
A. Baracco, Università di Torino - Dipartimento di Traumatologia, Ortopedia e Medicina del Lavoro
Gian Marino Giachino, A.S.O. Ordine Mauriziano - U.O.A. Medicina Preventiva e del Lavoro
A. Berra, Associazione Piemontese di Medicina ed Igiene del Lavoro
P. Piolatto, Università di Torino - Dipartimento di Traumatologia, Ortopedia e Medicina del Lavoro

Commenti (1)

Ernia del disco e assistenza a pazienti non autosufficienti: MP

L'articolo mi sembra interessante e in linea (salvo differenze non sostanziali) con altri orientamenti attualmente vigenti (Circolare INAIL n. 25 del 15 aprile 2004, EPM, ecc.). In sintesi, in presenza di rischio, valutato con metodo NIOSH, sono sufficienti valori di IS superiori a 2 (3 secondo L'INAIL) per almeno 5 anni per orientare il MC verso la denuncia di MP. Nell'articolo non si fa cenno al lavoro ospedaliero ove vige il criterio di valutazione MAPO. La circolare INAIl richiede,ai fini del riconoscimento della natura professionale della malattia, "un periodo di esposizione al rischio di almeno 5 anni per gli IR > 3, secondo NIOSH e Snook Ciriello, e >5 secondo MAPO, indici di rischio collocati nella classe immediatamente inferiore assumono rilevanza in presenza di periodi di esposizione particolarmente prolungati" (10 anni per valori tra 1,5 e 5; Dossier Ambiente n. 64 suppl. 2003). Sono MC di una azienda sanitaria e sto valutando criticamente la mia popolazione da questo punto di vista. I risultati mi sembrano piuttosto "pesanti" ma certamente in linea con gli studi epidemiologici sul personale di assistenza. Vorrei conoscere l'esperienza degli altri colleghi che seguono aziende sanitarie e soprattutto l'orientamento della Magistratura per la questione penale.

(annuscor 04/01/2008)

MedicoCompetente.it - Copyright 2001-2019 Tutti i diritti riservati - Partita IVA IT01138680507

Privacy | Contatti