Il portale del Medico del Lavoro Competente

Sezioni del portale

Ricerca

Login

Network

Standards web

Valid XHTML 1.1! Valid CSS!

Esposizione a metalli, pesticidi e prevalenza di cardiopatie in gruppi di popolazione

Inserito da
maurizioturbati
Data
16/01/2019
Categoria
Aspetti generali
Formato
Link esterno

Descrizione

Malattie cardiache: lavorare con pesticidi e metalli aumenta il rischio
Ipertensione & Scompenso
Gen 10,2019 0 Comments
(Reuters Health) – I lavoratori esposti a pesticidi o metalli sviluppano in modo significativo malattie cardiovascolari. I ricercatori della University of Illinois di Chicago hanno esaminato i dati sull’esposizione professionale a solventi, metalli e pesticidi relativi a 7.404 lavoratori che facevano parte di uno studio sulla salute dei cittadini ispanico-latiniche si svolgeva in quattro città: Chicago, San Diego, Miami e New York.
Complessivamente, il 6,5% dei partecipanti ha riferito un’esposizione a solventi sul posto di lavoro, l’8,5% a metalli potenzialmente tossici e il 4,7% è stato esposto a pesticidi.
Le evidenze cliniche
Le persone che sono state esposte a pesticidi mostravano più del doppio delle probabilità di avere patologie cardiache, insufficienza cardiaca o fibrillazione atriale.
In particolare, l’esposizione ai metalli è stata associata a un aumento di quattro volte del rischio di fibrillazione atriale.
“Le esposizioni professionali sono state associate a fattori di rischio clinici di malattie cardiovascolari come l’ipertensione, ma pochi studi hanno valutato se esiste un’associazione con la stessa malattia cardiovascolare – ha detto l’autrice principale dello studio Maria Argos della University of Illinois di Chicago – Il nostro studio suggerisce che l’esposizione professionale a metalli o pesticidi è associata a un’elevata prevalenza di malattia coronarica e fibrillazione atriale”.
“Non è esattamente chiaro perché questo avvenga; un’ipotesi potrebbe essere quella che i lavoratori ispanici abbiano una maggiore predisposizione a contrarre patologie cardiache quando sono esposti ad agenti tossici – dice Maria Argos, autrice principale dello studio – Di contro, è assai plausibile che l’esposizione a pesticidi o metalli possa aumentare l’infiammazione o causare direttamente danni al sistema cardiovascolare”.
Complessivamente, il 6,1% dei lavoratori compresi nello studio aveva almeno una forma di malattia cardiovascolare. La maggior parte di queste erano rappresentate da cardiopatie coronariche, in cui le arterie ristrette riducono il flusso di sangue al cuore.
I lavoratori esposti ai pesticidi avevano 2,2 volte più probabilità di avere una malattia coronarica rispetto ai lavoratori senza questa esposizione. L’esposizione ai pesticidi è stata anche associata a un aumento di circa sei volte delle probabilità di fibrillazione atriale e a un rischio maggiore del 38% per danni ai vasi sanguigni nel cervello.
Invece, i solventi organici utilizzati per attività quali sgrassaggio, lavaggio a secco e prodotti come la pittura, la plastica e i tessuti non sono stati associati a un aumentato rischio di problemi cardiaci.
. “È possibile adottare una serie di precauzioni per ridurre al minimo l’esposizione sul posto di lavoro- conclude Argos – come lavorare in aree ben ventilate, utilizzando dispositivi di protezione quali guanti, occhiali, respiratori e lavando le mani o la pelle entrata in contatto con agenti pericolosi.I cambiamenti comportamentali come mangiare sano e essere fisicamente attivi sono altrettanto importanti per minimizzare il rischio di sviluppare di malattie cardiache”.
Fonte: Heart
Lisa Rapaport
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

MedicoCompetente.it - Copyright 2001-2019 Tutti i diritti riservati - Partita IVA IT01138680507

Privacy | Contatti