Il portale del Medico del Lavoro Competente

Sezioni del portale

Ricerca

Login

Informazioni

Permesso di lettura:
Tutti gli utenti
Permesso di scrittura:
Utenti registrati

Network

Standards web

Valid XHTML 1.1! Valid CSS!

Grave ipertensione arteriosa refrattaria alle terapie, turni di lavoro non idonei allo stato di salute e fonti di stress

Questo argomento ha avuto 3 risposte ed è stato letto 192 volte.

billigbillig

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Milano
Professione
Altro (Non presente in elenco)
Messaggi
3
  • Grave ipertensione arteriosa refrattaria alle terapie, turni di lavoro non idonei allo stato di salute e fonti di stress
  • (03/04/2019 14:33)

La presente per chiedere cortesemente ai medici competenti un parere e consiglio su come muovermi riguardo ad un'interpretazione perlomeno "ambigua" da parte del Professionista incaricato dalla mia azienda ( operante nel Terziario con oltre 4000 dipendenti ) di accertare il mio stato di salute a seguito di richiesta del sottoscritto.
Svolgo un'attività lavorativa a contatto col pubblico con turni a rotazione dal lunedì alla domenica, festivi compresi.
Da qualche tempo soffro di una grave forma di ipertensione arteriosa, con frequenti ricadute soprattutto a causa dell'innalzamento della pressione distolica ( in alcune occasioni innalzatasi sino a 140 con la sistolica a 250 ).
La situazione risulta essere quindi piuttosto critica, e, quantunque con rammarico, ho dovuto fare circa due mesi in malattia, in quanto giornalmente mi venivano rilevati valori pressori mediamente di 110-120 su 180-190 pur essendo in terapia.
Mi sono dovuto pertanto recare da due cardiologi, i quali, in più occasioni, hanno tentato di cambiare la terapia in corso senza risultato.
Gli stessi hanno certificato, in qualità di specialisti, la necessità di una vita regolare, di non svolgere turni a rotazione, nonché di evitare fonti di stress.
Il medico dell'azienda, dopo avermi visitato a seguito di mia richiesta all'azienda e riscontrato un'ipertensione di 210/120, rilasciava una certificazione medico-legale di inidonietà temporanea ai turni ma non alla mansione, per cui secondo quest'ultimo, con i suddetti valori pressori alle stelle, l'utenza inferocita da un servizio pubblico non degno di un Paese civile che siamo costretti a subire come impiegati front-office, nonché il fatto di dovere maneggiare denaro e quindi essere costantemente nervoso e sotto pressione, io dovrei seguitare a svolgere un'attività fortemente stressante sicuramente debilitante e dannosa per la mia patologia.
Fortunatamente non vi è alcun danno renale, nè diabete, bensì diversi kg in più che sto cercando di contrastare con una dieta iposodica e ipocalorica e del movimento.
Faccio presente che quando ho provveduto ad informare il mio cardiologo ed il mio medico curante del risultato della visita, quest'ultimi si sono dimostrati stupefatti e francamente sbigottiti dinanzi al suindicato parere medico legale e, dato che a causa del perdurare del problema sto iniziando ad avere anche dei problemi neurologici e probabilmente mi trovo anche a limite a livello mentale non dormendo la notte, gli stessi mi hanno consigliato un consulto con degli specialisti in tali branche.
Vi rendo altresì noto che i turni assegnatimi, rispetto a quanto avvenuto in passato con altri colleghi aventi patologie anche meno invalidanti della mia, non rispettano neppure la sequenza di 5 giorni di lavoro e due di riposo coincidenti con il weekend, bensì mi obbligherebbero a dovere fare 3 giorni di lavoro e uno di riposo, a cui seguirebbero 4 giorni di lavoro e due di riposo.
Alla data odierna, dovendo rientrare in servizio tra qualche giorno, pur presentando ancora una sintomatologia clinica con acufeni, forte cefalea nella zona delle tempie, extrasistoli, annebbiamenti della vista, vampe di calore, chiedo cortesemente ai gentilissimi medici presenti un consiglio su come muovermi. Io chiedo solo di potere svolgere la mia attività lavorativa senza contatto col pubblico ( in quanto fonte di stress ) e con turni regolari da lunedì a venerdì, così come fanno già migliaia di miei colleghi perfettamente sani. Grazie

edozucca

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Pavia
Professione
Medico Competente
Messaggi
16
  • Re: Grave ipertensione arteriosa refrattaria alle terapie, turni di lavoro non idonei allo stato di salute e fonti di stress
  • (03/04/2019 19:47)

Premesso che il medico competente non rilascia certificazioni medico legali ma rilascia un certificato di idoneità, lei ha 30 giorni di tempo per fare ricorso (come penso ci sia scritto anche nel certificato di idoneità stesso che le è stato consegnato). Se è ancora nei 30 giorni di tempo faccia ricorso.

billigbillig

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Milano
Professione
Altro (Non presente in elenco)
Messaggi
3
  • Re: Grave ipertensione arteriosa refrattaria alle terapie, turni di lavoro non idonei allo stato di salute e fonti di stress
  • (04/04/2019 11:21)

edozucca il 03/04/2019 07:47 ha scritto:
Premesso che il medico competente non rilascia certificazioni medico legali ma rilascia un certificato di idoneità, lei ha 30 giorni di tempo per fare ricorso (come penso ci sia scritto anche nel certificato di idoneità stesso che le è stato consegnato). Se è ancora nei 30 giorni di tempo faccia ricorso.

È un'idea che effettivamente stiamo valutando con lo specialista che ci segue, anche perché il certificato di idoneità, pur essendo stato emesso i primi di marzo, mi è stato consegnato solo qualche giorno addietro poiché ero assente dal servizio causa malattia. Il ricorso va spedito all'azienda anche a mezzo posta elettronica? E saprebbe dirmi come si svolge la Commissione ( con quali e quanti specialisti ),ovvero se devo produrre altre certificazioni oltre quelle già presentate nella prima istanza? Mi permetto di chiederVi, perché ad onor del vero non ho ancora capito, come sia possibile che il medico competente abbia potuto giudicare il contatto con il pubblico una rilevante fonte di stress, nonché perché, come già avvenuto in molti altri casi, non è stata concessa la settimana di lavoro dal lunedì al venerdì ( quindi molto più regolare ) con sabato e domenica sempre a casa, bensì una turnazione con i riposi che variano sempre di settimana in settimana, impedendomi così di avere una vita regolare come raccomandato dal cardiologo.
Infine, dato che il medico curante ritiene di dovermi inviare a visita da un neurologo o neuropsichiatra per valutare anche la forma di insonnia debilitante che va ad incidere anche sui valori pressori, come posso muovermi? Grazie

billigbillig

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Milano
Professione
Altro (Non presente in elenco)
Messaggi
3
  • Re: Grave ipertensione arteriosa refrattaria alle terapie, turni di lavoro non idonei allo stato di salute e fonti di stress
  • (04/04/2019 11:41)

edozucca il 03/04/2019 07:47 ha scritto:
Premesso che il medico competente non rilascia certificazioni medico legali ma rilascia un certificato di idoneità, lei ha 30 giorni di tempo per fare ricorso (come penso ci sia scritto anche nel certificato di idoneità stesso che le è stato consegnato). Se è ancora nei 30 giorni di tempo faccia ricorso.

Dimenticavo altresì di chiedere, e me ne scuso, quali sono i tempi tecnici per essere visitati in Commissione ( zona Milano ) in caso di ricorso, se verranno effettuate delle visite/esami durante la convocazione o si esamineranno solo le carte in possesso del dipendente, nonché nel frattempo a quali disposizioni dovrà attenersi il lavoratore che ha inoltrato il ricorso. Grazie

MedicoCompetente.it - Copyright 2001-2019 Tutti i diritti riservati - Partita IVA IT01138680507

Privacy | Contatti