Il portale del Medico del Lavoro Competente

Sezioni del portale

Ricerca

Login

Informazioni

Permesso di lettura:
Tutti gli utenti
Permesso di scrittura:
Utenti registrati

Network

Standards web

Valid XHTML 1.1! Valid CSS!

Dimostrare la formazione continua

Questo argomento ha avuto 4 risposte ed è stato letto 502 volte.

michele.borsaro

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Verona
Professione
Esperto in prevenzione
Messaggi
15
  • Dimostrare la formazione continua
  • (02/05/2019 12:31)

Buon giorno a tutti,

vorrei sapere quali documenti il medico del lavoro (MC) deve consegnare al DL (datore di lavoro) per certificare la sua "formazione continua" triennale. Poi vorrei chiedere se è il DL a doverlo chiedere o il medico a doverlo dare, anche in assenza di una richiesta formale. Inoltre è secondo voi sufficiente il controllo dei titoli del MC attraverso il sito on line, o serve un documento rilasciato dal MC in forma di autocertificazione che poi, tramite il sito, può (deve)essere verificato.
Poi un altra domanda, scusate se sono prolisso. Può il medico usare altri specialisti scelti da lui SENZA consultare il DL? A mio avviso, e anche alla luce del relativo interpello, se il MC necessita di uno specialista deve chiedere al DL il quale decide come procedere. Capisco che possa essere "farragginoso" ma vorrei capire quanto bisogna essere formali su questi aspetti.


Grazie

milvio.piras

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Cagliari
Professione
Medico del Lavoro Competente
Messaggi
516
  • Re: Dimostrare la formazione continua
  • (02/05/2019 12:49)

alla prima domanda: esiste l'elenco dei medico competenti consultabile on-line, e l'iscrizione è condizionata dall'essere a posto con i crediti formativi (salvo eventuali svarioni degli impiegati).

alla seconda domanda: soprattutto nel caso di grandi aziende,gli specialisti, o anche il laboratorio, sono scelti dal datore di lavoro, che si convenziona con loro autonomamente; nel caso delle piccole e medie imprese, di solito è il medico competente ad avere una convenzione con i laboratori e gli specialisti di riferimento, da lui coordinati (e dei quali in genere anticipa gli onorari), oppure li propone al datore di lavoro (che di solito ha altro a cui pensare) col quale stipulano convenzioni separate.

michele.borsaro

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Verona
Professione
Esperto in prevenzione
Messaggi
15
  • Re: Dimostrare la formazione continua
  • (02/05/2019 13:22)

Ok grazie della risposta, ma la domanda aveva una diversa sfumatura:

è il DL che deve consultare il registro on line (e darne evidenza, come?), o il medico che comunica al DL di essere "a posto" con riserva di verifica da parte del DL?

milvio.piras

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Cagliari
Professione
Medico del Lavoro Competente
Messaggi
516
  • Re: Dimostrare la formazione continua
  • (02/05/2019 14:08)

il medico potrebbe anche fornire documentazione falsa. Il registro, salvo sorprese, dovrebbe essere attendibile, e facilmente consultabile anche dal (o in presenza del) datore di lavoro.

carlpam

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Padova
Professione
Medico Competente
Messaggi
743
  • Re: Dimostrare la formazione continua
  • (05/05/2019 13:37)

michele.borsaro il 02/05/2019 12:31 ha scritto:
Buon giorno a tutti,

vorrei sapere quali documenti il medico del lavoro (MC) deve consegnare al DL (datore di lavoro) per certificare la sua "formazione continua" triennale. Poi vorrei chiedere se è il DL a doverlo chiedere o il medico a doverlo dare, anche in assenza di una richiesta formale. Inoltre è secondo voi sufficiente il controllo dei titoli del MC attraverso il sito on line, o serve un documento rilasciato dal MC in forma di autocertificazione che poi, tramite il sito, può (deve)essere verificato.
Poi un altra domanda, scusate se sono prolisso. Può il medico usare altri specialisti scelti da lui SENZA consultare il DL? A mio avviso, e anche alla luce del relativo interpello, se il MC necessita di uno specialista deve chiedere al DL il quale decide come procedere. Capisco che possa essere "farragginoso" ma vorrei capire quanto bisogna essere formali su questi aspetti.
Grazie

Sulla scelta dello specialista da consultare in seconda battuta da parte del MC (che è specialista ed ESPERTO CERTIFICATO di prevenzione )
il dlgs 81 dice che il MC si avvale e NON deve chiedere al DL il quale decide come procedere, ma che gli specilisti sono scelti in accordo col DdL

ANCORA SUI TITOLI non è scritto da nessuna parte che di DdL deve chiedere un documento (lo può comunque verificare, se lo ritiene come precisa bene M.Piras)
Perchè dunque cercar cavilli ? ben altro succede : ho notizia di un formatore (non medico) che ha fatto un corso di PS e pretendeva che fosse riconosciuto come valido ... la ditta non lo ha pagato e lo ha cacciato !! (la trave e il fuscello nell'occhio?)

osservo comunque il sempre reiterato tentativo di riempire in modo prolisso e spesso saccente, il Medico Compente di adempimenti burocratici non previsti forse per distoglierlo dalla PREVISTA COLLABORAZIONE COL DdL al DVR ? (che va redatto con " criteri di semplicità, brevità e compresibilità"..."come strumento operativo.." ed effettuato "fino a 10 lavoratori"... " sulla base delle procedure standardizzate di cui all'art. 6 co.8,lett f)" e possibile fino 50 Lav. .... EVITANDO ALTRESì
DI AGGIORNARE LO STESSO DVR in assenza di MODIFICHE DEL PROCESSO PREODUTTIVO E DELLA ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO significative ai fini della SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI ...

(qualcuno sembra voler evitare le collaborazioni professionali ed esperte rieccheggiando la canzone "e qui comando io, e questa è casa mia,ogni dì voglio sapere chi viene e chi va...come un ministro a caso )
unicuique suum tribuere ...!

MedicoCompetente.it - Copyright 2001-2019 Tutti i diritti riservati - Partita IVA IT01138680507

Privacy | Contatti