Il portale del Medico del Lavoro Competente

Ricerca

Login

Informazioni

Permesso di lettura:
Tutti gli utenti
Permesso di scrittura:
Utenti registrati

Network

Standards web

Valid XHTML 1.1! Valid CSS!

quis monet ipsos monitores ?

Questo argomento ha avuto 6 risposte ed è stato letto 362 volte.

carlpam

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Padova
Professione
Medico Competente
Messaggi
756
  • quis monet ipsos monitores ?
  • (07/09/2019 14:06)

Cari Colleghi vi voglio raccontare di una riunione in una azienda che da tempo seguo ( pulizie industriali e civili) e che ha cambiato la sede direzionale. L'attività dei dipendenti è organizzata per squadre ed opera nelle varie aziende ( uffici e ambienti produttivi pubblici e privati ) del tutto invariata
Un consulente ha subito affermato l'obbligo di un Rspp ESTERNO (oltre i 30 dipendenti All II. d.81) pur in presenza di soggetti interni che lo potessero assumere (Cicero pro domo sua) poi ha presentato le sue osservazioni in una riunione di cui riassumo gli interventi.
Chiedeva infatti oltre agli attestati dei corsi svolti, anche il programma di ogni corso e il mio CV per verificare se è (sic) in possesso dei requisiti previsti dal D.M. 06/03/2014 per ricoprire la figura del formatore in materia di salute e sicurezza sul lavoro, con relativi crediti formativi/corsi svolti, secondo il criterio 1 del DM. 06/03/2014 o altro criterio. Il CV dovrà riportare anche il DPR 445, firmato(dichiarazione sostitutiva atto notorio). Anche il tono era inquisitorio e non collaborativo. La titolare interveniva che ben mi conosceva e che i miei titoli ben li conosceva (da quasi 10 anni).
Il DVR era da rifare per il cambio di sede. Facevo presente che la rielaborazione del DVR non era necessaria poiché non era modificata l'organizzazione del lavoro,in assenza di infortuni e in assenza di risultati della sorveglianza sanitaria che lo indicassero (nel DVR si modificherà solo l'indirizzo nella prima pagina : Il cambio di sede (centrale direzionale) non implica assolutamente peggiori condizioni AI FINI DELLA SALUTE (art29 co°3) L'obiezione formulata in riunione che la diversità dei locali comporterebbe l'aggiornamento del DVR è inconsistente essendo,con valutazione di ovvio carattere igienistico, che locali ben più ampi (arieggiati ed illuminati) che in precedenza sono migliorativi ai fini della salute degli impiegati addetti (come dimostra anche il sopralluogo annuale allegato al DVR.)
Si doveva rifare, secondo il consulente anche rischio chimico(detergenti per la pulizia) pur presente già nel DVR senza modificazioni negli usi e nelle sostanze.
Anche per lo stress lavoro correlato doveva essere rifatto (ogni 2 anni) Lo indicava come obbligo citando una circolare (che per dottrina non supera un decreto)però che solo “lo consiglia“
Impianto elettrico: da fare dichiarazione di auto protezione delle scariche atmosferiche, ma era già nella Dichiarazione di Conformità dell'impianto.
Indicava poi circa la postazione dell'impiegata e l'uso di Pc portatile, che se il lavoro al computer superasse le 3 ore al giorno avrebbe dovuto usare un computer fisso. L'indicazione in realtà è non obbligatoria (e poi 3ore ?)trattandosi di uso comunque NON PROLUNGATO ed infattie è consentito un corretto posizionamento dello schermo )art 174 d e all. XXXIV ,1 lett f.)
Consigliava infine di redigere il DUVRI(?). (a causa della durata del contratto? )anche se non sempre in presenza di rischi di interferenza: che palesemente non c'entrava spettando all'azienda committente(!)con cui coordinarsi .
In questo racconto ho tralasciato il clima e il tono con cui si è svolta la riunione presente la Titolare dell'impresa, la RLS, un impiegato, e il Rspp, che è stato piuttosto irascibile e alle mie obiezioni alzava la voce, arrivando perfino a sbattere i pugni sul tavolo ( facendo ammutolire la titolare !) o addirittura insultando: voleva questo tecnico (laureato) screditarmi come docente (ho i requisiti di legge ) e poi imporre la sua figura come consulente ed Rspp. (lei pensi a fare le visite !)
ALCUNE CONSIDERAZIONI FINALI
Come MEDICI COMPETENTI SIAMO IN GRADO DI FARE LA FORMAZIONE nella nostra disciplina(interessante la “Guida Pedagogica di J. Guilbert Armando Ed sulla formazione in Medicina, vecchio ma valido) e titoli li abbiamo di più di qualche diplomato poco preparato (chiedo scusa a quelli veramente bravi). Ma quale il successo di costoro? SPESSO OFFRONO L'ACCESSO AI FONDI INTERPROFESSIONALE E IL RIMBORSO DELLA FORMAZIONE
Come MEDICI COMPETENTI SIAMO IN GRADO DI COLLABORARE AL DVR (non si deve firmare nulla ma dobbiamo chiedere la bozza e FARE LE NOSTRE OSSERVAZIONI senza paura di cassare le lunghe citazioni di articoli del DLGS 81 (da sostituire con il solo numero, come consigliava lo SPISAL di Treviso)o le descrizioni anatomiche dell'orecchio (rischio rumore!)
Come MEDICI COMPETENTI NON SIAMO TUTTOLOGI MA ESPERTI DI IGIENE INDUSTRALE (ben vengano le collaborazioni ma“sutor,ne ultra crepidam!” )
Infine ricordiamo che il termine "sicurezza" non è elemento di separazione fra sé e la salute e che la sicurezza è PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI (materia nostra con la medicina legale) e che si dovrebbe diffidare da chi, come certi tecnici,tende ad interpretare la norma con una pignoleria degna di miglior causa,perché così facendo dimostrano solo di conoscere in modo approssimativo la materia !
Concludo dicendo che la Medicina del Lavoro e soprattutto PREVENZIONE e se si trascura questo nostro INDISPENSABILE CONTRIBUTO facciamo un cattivo lavoro e facciamo apparire la nostra attività un inutile intervento ( burocratico: visitano persone sane !)

Sonnambulo

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Lodi
Professione
Medico del Lavoro Competente
Messaggi
77
  • Re: quis monet ipsos monitores ?
  • (10/09/2019 10:17)

Chapeau! Mi sembrava giusto risponderti anche soltanto perché ho visto che in 125 (126 con me) l'hanno letto e nessuno ha risposto :-)

carlpam

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Padova
Professione
Medico Competente
Messaggi
756
  • Re: quis monet ipsos monitores ?
  • (10/09/2019 11:21)

Sonnambulo il 10/09/2019 10:17 ha scritto:
Chapeau! Mi sembrava giusto risponderti anche soltanto perché ho visto che in 125 (126 con me) l'hanno letto e nessuno ha risposto :-)

Caro Sonnambulo TI RINGRAZIO per il tuo commento e se mi posso permettere un piccolo anneddoto: mio nonno Operaio tessile da Marzotto (a Valdagno!) si levò il cappello in segno di saluto, solo quando il vecchio conte Marzotto ( nel 1919 ) si levò per primo il cappello verso di lui .....

Quel che volevo sottolineare è la distorsione della realtà dove il MC è alla mercè del rspp che pontifica da medico a partire da certi DVR ....
Sono convinto che solo FACENDOSI VALERE (leggiamosi le pieghe del D81/106 ) ribattiamo sulle storture che ci cercano di propinare !
(in PRIMIS AGGIORNAMENTI NON NECESSARI DEL DVR : C'è INVALSA E DIFFUSA L'OPINIONE CHE SI DEBBA RINNOVARE/AGGIORNARE OGNI 3 ANNI E certi consulenti (monitores !) ci sguazzano !!
sono convinto che le leggi si adeguano ma quando la stessa realtà è cambiata : STA A NOI FARLO

carlpam

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Padova
Professione
Medico Competente
Messaggi
756
  • Re: quis monet ipsos monitores ?
  • (10/09/2019 11:23)

Sonnambulo il 10/09/2019 10:17 ha scritto:
Chapeau! Mi sembrava giusto risponderti anche soltanto perché ho visto che in 125 (126 con me) l'hanno letto e nessuno ha risposto :-)

Caro Sonnambulo TI RINGRAZIO per il tuo commento e se mi posso permettere un piccolo anneddoto: mio nonno Operaio tessile da Marzotto (a Valdagno!) si levò il cappello in segno di saluto, solo quando il vecchio conte Marzotto ( nel 1919 ) si levò per primo il cappello verso di lui .....

Quel che volevo sottolineare è la distorsione della realtà dove il MC è alla mercè del rspp che pontifica da medico a partire da certi DVR ....
Sono convinto che solo FACENDOSI VALERE (leggiamosi le pieghe del D81/106 ) ribattiamo sulle storture che ci cercano di propinare !
(in PRIMIS AGGIORNAMENTI NON NECESSARI DEL DVR : C'è INVALSA E DIFFUSA L'OPINIONE CHE SI DEBBA RINNOVARE/AGGIORNARE OGNI 3 ANNI E certi consulenti (monitores !) ci sguazzano !!
sono convinto che le leggi si adeguano ma quando la stessa realtà è cambiata : STA A NOI FARLO

ramiste

ramiste
Provenienza
Catania
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
809
  • Re: quis monet ipsos monitores ?
  • (10/09/2019 11:38)

... non per "piaggeria", ma come si potrebbe fare a non essere d'accordo con quanto affermato inizialmente dal collega carlpam ? Forse è per questo motivo che molti colleghi leggono il post senza rispondere: perché sono tutti assolutamente d'accordo !!!

caballero

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Milano
Professione
Medico del Lavoro Competente
Messaggi
47
  • Re: quis monet ipsos monitores ?
  • (10/09/2019 12:51)

Concordo... c'è poco da commentare, anche perchè non è un atteggiamento commercialmente FURBO quello di mettersi contro il MC... a me è successo e devo dire che poi mi sono tolto le mie soddisfazioni (mancato rinnovo del contratto RSPP) in quanto comunque il medico ("Sig. Dottore") spesso e volentieri ha più voce in capitolo del RSPP ("ing. o tecnico").
PS probabilmente nel tuo caso trattasi di frustrato o di str... di suo

tonyporro

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Barletta - Andria - Trani
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
88
  • Re: quis monet ipsos monitores ?
  • (10/09/2019 20:34)

Se il MC svolge il suo ruolo con competenza ed autorevolezza non c'è nessuno spazio per personaggi di tal fatta (ognuno di noi ne ha incontrati nella propria vita professionale). Se dovesse limitarsi a "fare solo le visite" le cose ovviamente cambierebbero...

MedicoCompetente.it - Copyright 2001-2019 Tutti i diritti riservati - Partita IVA IT01138680507

Privacy | Contatti