Il portale del Medico del Lavoro Competente

Sezioni del portale

Ricerca

Login

Informazioni

Permesso di lettura:
Tutti gli utenti
Permesso di scrittura:
Utenti registrati

Network

Standards web

Valid XHTML 1.1! Valid CSS!

Lavoratrice disperata in cerca di chiarezza

Questo argomento ha avuto 1 risposte ed è stato letto 158 volte.

Atomo

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Trento
Professione
Altro (Non presente in elenco)
Messaggi
1
  • Lavoratrice disperata in cerca di chiarezza
  • (07/11/2019 20:50)

Buonasera a tutti,

mi rivolgo ai gentili MC che vorranno rispondermi. Sono una "povera" lavoratrice, unica dipendente di una piccola azienda che si occupa di manipolare e testare materiali lapidei. L'ambiente di lavoro è insieme quello di un marmista (seghe, martelli, spianatrici etc) e uno studio professionale. Dal momento della mia assunzione, avvenuta nel 2017 ho sempre lavorato fisicamente da sola (nel senso che non c'è nessuno con me) occupandomi di tutte le fasi operative su menzionate.
Nel 2018 arriva ernia l4-l5 + discopatia l5-s1. Operata a gennaio 2019 per l'ernia, con artrodesi circonferenziale e relative protesi, rientro a lavoro ad aprile. Per l'occasione il datore di lavoro, su mia pressante richiesta, si degna di nominare un MC che, acquisita la documentazione sanitaria ed effettuato sopralluogo in azienda, mi pone una limitazione a 5 kg con prospettiva di rimozione della limitazione alla visita successiva, che dovrà avvenire a dicembre 2019.

La mia domanda adesso è: con un intervento di questo tipo e la discopatia ancora in giro, non dovrebbe scattare (secondo INAIL) la completa esclusione dalla movimentazione? E per attività come "prendere a martellate carote di rocce per frammentarle" non ci dovrebbero pure essere delle legittime prescrizioni da adottare?
In quanto professionista provo fastidio quando persone al di fuori del mio settore mi vengono a dire come svolgere il mio lavoro, per questo vorrei un sincero parere dagli addetti ai lavori prima di dare di matto davanti al MC.

Grazie

carlpam

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Padova
Professione
Medico Competente
Messaggi
854
  • Re: Lavoratrice disperata in cerca di chiarezza
  • (01/01/2020 18:01)

é difficile risponderLe senza essere generici: sapendo che è stata operata per ernia discale ma ignorando quale sia l'esito dell'operazione e la sua situazione clinica, posso dire che la limitazione a 5 kg di poco superiore ai 3kg minimi per lavori ripetitivi con la previsione di eliminarla a dicembre 19, può significare che la sua situazione sia migliorata ed assestata (secondo il medico competente evidentemente)
Il punto è quale sia la sua situazione clinica e cosa può svolgere cone attività lavorativa ( in caso poi non sia d'accordo col parere del Mc può fare semplice ricorso al servizio di medicina del lavoro.)tenga poi presente la NON IDONEITA'SENZA POSSIBILITA'DI ALTRE E DIVERSE MANSIONI ( con un datore di lavoro che "si degna di nominare il MC " e magari non è anche a posto con DVR e quant'altro) E' A RISCHIO DI LICENZIAMENTO

LA SITUAZIONE E' DELICATA : SE POI LA SUA SITUAZIONE NON è MIGLIORATA CON L'OPERAZIONE è SEMMAI OPPORTUNO CHIEDERE LA MALATTIA PROFESSIONALE (INDENNIZZABILE ) SI FACCI ASSISTERE DA UIN PATRONATO !

MedicoCompetente.it - Copyright 2001-2020 Tutti i diritti riservati - Partita IVA IT01138680507

Privacy | Contatti