Il portale del Medico del Lavoro Competente

Sezioni del portale

Ricerca

Login

Informazioni

Permesso di lettura:
Tutti gli utenti
Permesso di scrittura:
Utenti registrati

Network

Standards web

Valid XHTML 1.1! Valid CSS!

Medico Competente- Contratti e Nomina

Questo argomento ha avuto 3 risposte ed è stato letto 4069 volte.

Gabibbo

Gabibbo
Provenienza
Napoli
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
41
  • Medico Competente- Contratti e Nomina
  • (03/12/2009 20:54)

Il Medico Competente è nominato dal Datore di lavoro (rapporto fiduciario). Tale nomina allo stato attuale(d.lgs 81/08 e 106/09) risulta delegabile (ma a chi? Forse ad una società di servizi?).
Il grande Antonio De Curtis, in arte Totò avrebbe chiosato: "ma mi faccia il piacere, cosa vuole delegare Lei, Egregio Commendatore visto che il suo profitto viene fuori dalla "fatica" dei lavoratori?".
E' vero Lei ha dato incarico ad una Società di Servizi che Le ha fornito anche il Medico Competente e che Lei sicuramente riconoscerà de visu in un eventuale incidente probatorio per danno biologico o malattia professionale (eh,eh,eh,!!!) e Le dico che sarete coinvolti entrambi (datore di lavoro e medico competente, mentre la società che le ha "venduto" il Medico Competente non sarà mai chiamata in causa).
Mi scusi, dimenticavo che Lei è Datore di lavoro di Ente Pubblico (Dirigente e/o Responsabile del Procedimento) e come tale si è rivolto a CONSIP SPA; ha fatto male!!! CONSIP SPA vende carta igienica, penne, fax, fotocopiatrici, al massimo sedie. E' un consorzio ministeriale (privatizzato) destinato a garantire il risparmio sulla fornitura di beni destinati al pubblico esercizio. Ma guarda un pò, che strano, nelle attività di servizi agli immobili, e dico servizi agli immobili, sono comparsi pacchetti all inclusive di igiene, tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro!!!(Sono schifato, nauseato, quasi decido di cambiare lavoro!). CONSIP SPA vende al massimo ribasso la tutela della salute dei lavoratori e le relative responsabilità penali di datori di lavoro, Medici Competenti e RSPP, sulla base di pacchetti territoriali preconfezionati, chiedendo garanzie di anticipo economico, garanzie reddito correlate, etc).
Dopo aver letto i bandi la risposta è chiara:" non potrò mai aspirare ad essre medico competente per il ministero XXX poiché non sono dipendente/collaboratore della(banda del crocchio "Totò")".

Proposta:
Il medico Competente è nominato su base fiduciaria dal datore di lavoro, cui direttamente riferisce secondo etica, codice deontologico e privacy La nomina è indelegabile.
La prestazione professionale svolta dal medico competente si configura quale attività di alta specializzazione medica, non mediabile da terzi e quindi con rapporto contrattuale diretto con il datore di lavoro. Tale rapporto contrattuale sarà regolarmente registrato secondo le norme vigenti.
Per lo svolgimento delle attività del medico competente,il datore di lavoro concorderà con il medico competente, l'attribuzione di specifici incarichi esterni per l'effettuazione di tutti gli esami clinici strumentali e di laboratorio necessari alla formulazione del giudizio di idoneità .

Messaggio: Abbiamo tutti necessità di dignità morale e professionale, non svendiamo una professione di alta specializzazione. Se tutti abbandonassero il mercato del "cottimo - terzista", qualcosa in più da dire, proporre, fare verrà naturale. Il mercato della "svendita dell'idoneità crollerebbe" e vi assicuro sarebbe meglio per tutti.

Ciao a tutti,
Attendo almeno un cenno.

Gabibbo
















































Ugualmente sono mesi che vedo disattenzione al messaggio, che sia la "illusoria e paventata crisi economica" a spingere i lavoratori ad operare al di fuori delle "norme" ed i datori di lavoro a

In conclusione:
Rivendico la libertà di esercitare la professione di MC da parte di tutti coloro che in possesso dei requisiti di legge possano espletare la funzione di medico competente a seguito di nomina diretta di colui che civilmente e penalmente risponde dell'operato dello stesso.
Le clausole di copertura finanziaria volute dagli Enti Pubblici rispetto all'attribuzione dell'incaico di MC di fatto escludono gli stessi dalla partecipazione al Bando di Gara (se hai soldi, fai soldi).
Le società di servizi giuridicamente non possono esercitare intermediazione di attività professionali quali quella del Medico Competente comportanti l'iscrizione ad un albo professionale e la nomina su base fiduciaria.

Gabibbo!

Susanna

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Napoli
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
17
  • Re: Medico Competente- Contratti e Nomina
  • (04/12/2009 00:11)

Concordo su tutta la linea e sottoscrivo la intollerabile discriminazione tra MC e RSPP. La delegabilità di un atto così importante quale la nomina del Medico Competente oltre a significare che il ruolo di quest'ultimo non è altrettanto importante, implica la possibilità (non remota) di "dipendere" dai voleri di un dirigente di turno con tutto quello che possiamo immaginare. Non voglio aggiungere altro sulla questione Consip con la quale personalmente mi trovo a combattere.
Mi preme invece fare un'ulteriore riflessione anche alla luce di alcuni post sulla questione delle gare al ribasso. Ma qualcuno si è mai soffermato a considerare cosa voglia dire gara d'appalto? E' corretto fare un bando di gara (con o senza ribasso) per il reperimento di una figura professionale? Non vi risulta che nel caso di prestazione intellettuale si indicano concorsi o selezioni in base a titoli, esperienze o curriculum professionali? Insomma siamo considerati alla stregua di una ditta di pulizie o di un fornitore di carta igienica... meditate gente meditate

Nessuna impresa e' mai stata compiuta da un uomo ragionevole

tcam

tcam
Provenienza
Firenze
Professione
Medico Competente
Messaggi
566
  • Re: Medico Competente- Contratti e Nomina
  • (04/12/2009 01:12)

[cite]Gabibbo il 03/12/2009 08:54 ha scritto:
Il Medico Competente è nominato dal Datore di lavoro (rapporto fiduciario). Tale nomina allo stato attuale(d.lgs 81/08 e 106/09) risulta delegabile (ma a chi? Forse ad una società di servizi?).
Il grande Antonio De Curtis, in arte Totò avrebbe chiosato: "ma mi faccia il piacere, cosa vuole delegare Lei, Egregio Commendatore visto che il suo profitto viene fuori dalla "fatica" dei lavoratori?".
E' vero Lei ha dato incarico ad una Società di Servizi che Le ha fornito anche il Medico Competente e che Lei sicuramente riconoscerà de visu in un eventuale incidente probatorio per danno biologico o malattia professionale (eh,eh,eh,!!!) e Le dico che sarete coinvolti entrambi (datore di lavoro e medico competente, mentre la società che le ha "venduto" il Medico Competente non sarà mai chiamata in causa).
Mi scusi, dimenticavo che Lei è Datore di lavoro di Ente Pubblico (Dirigente e/o Responsabile del Procedimento) e come tale si è rivolto a CONSIP SPA; ha fatto male!!! CONSIP SPA vende carta igienica, penne, fax, fotocopiatrici, al massimo sedie. E' un consorzio ministeriale (privatizzato) destinato a garantire il risparmio sulla fornitura di beni destinati al pubblico esercizio. Ma guarda un pò, che strano, nelle attività di servizi agli immobili, e dico servizi agli immobili, sono comparsi pacchetti all inclusive di igiene, tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro!!!(Sono schifato, nauseato, quasi decido di cambiare lavoro!). CONSIP SPA vende al massimo ribasso la tutela della salute dei lavoratori e le relative responsabilità penali di datori di lavoro, Medici Competenti e RSPP, sulla base di pacchetti territoriali preconfezionati, chiedendo garanzie di anticipo economico, garanzie reddito correlate, etc).
Dopo aver letto i bandi la risposta è chiara:" non potrò mai aspirare ad essre medico competente per il ministero XXX poiché non sono dipendente/collaboratore della(banda del crocchio "Totò")".

Proposta:
Il medico Competente è nominato su base fiduciaria dal datore di lavoro, cui direttamente riferisce secondo etica, codice deontologico e privacy La nomina è indelegabile.
La prestazione professionale svolta dal medico competente si configura quale attività di alta specializzazione medica, non mediabile da terzi e quindi con rapporto contrattuale diretto con il datore di lavoro. Tale rapporto contrattuale sarà regolarmente registrato secondo le norme vigenti.
Per lo svolgimento delle attività del medico competente,il datore di lavoro concorderà con il medico competente, l'attribuzione di specifici incarichi esterni per l'effettuazione di tutti gli esami clinici strumentali e di laboratorio necessari alla formulazione del giudizio di idoneità .

Messaggio: Abbiamo tutti necessità di dignità morale e professionale, non svendiamo una professione di alta specializzazione. Se tutti abbandonassero il mercato del "cottimo - terzista", qualcosa in più da dire, proporre, fare verrà naturale. Il mercato della "svendita dell'idoneità crollerebbe" e vi assicuro sarebbe meglio per tutti.

Ciao a tutti,
Attendo almeno un cenno.

Gabibbo


Chiunque abbia a cuore il ruolo e la tutela della professionalità non solo del mc ma di ogni medico, non può che sottoscrivere con convinzione ed entusiasmo quanto dici e in particolare quanto segue:
"Proposta:
Il medico Competente è nominato su base fiduciaria dal datore di lavoro, cui direttamente riferisce secondo etica, codice deontologico e privacy La nomina è indelegabile.
La prestazione professionale svolta dal medico competente si configura quale attività di alta specializzazione medica, non mediabile da terzi e quindi con rapporto contrattuale diretto con il datore di lavoro. Tale rapporto contrattuale sarà regolarmente registrato secondo le norme vigenti.
Per lo svolgimento delle attività del medico competente,il datore di lavoro concorderà con il medico competente, l'attribuzione di specifici incarichi esterni per l'effettuazione di tutti gli esami clinici strumentali e di laboratorio necessari alla formulazione del giudizio di idoneità ".

Vi sono norme che governano la nostra attività, alcune nebulose e contraddittorie, alcune artatamente costruite per la tutela di interessi "di parti" della società non sempre coincidenti con gli interessi della collettività e della società tutta.
Come "un cattivo caffè" che ci viene offerto nostro malgrado le possiamo trangugiare se servono per non inasprire il rapporto con il nostro ospite.

Vi sono norme che sono peggio di una lavanda gastrica e tra queste certamente quella ipocrita e cicisbea che offre la possibilità a chichessia di "rent a low cost physician" considerando i più deboli della catena come oggetto di un miserabile ed indegno caporalato.
Quel che ci incatena come Prometei alla norma è la nostra PSEUDO-liberaprofessione, la distrazione degli Ordini (non oso dire la connivenza)e il relativamente povero potere contrattuale.
I più giovani sono di necessità le vittime designate assieme ai più deboli.
Il contenuto del tuo intervento si inserisce a perfezione e con intelligente "mira" nel cuore della questione.
Se il tema, come dovrebbe, è condiviso, credo che dovremmo tralasciare i mille rivoli delle contese sul "coso" e concentrare tutti gli sforzi possibili per ottenere una MODIFICA URGENTE dell'art 39, comma 2, meglio che mai nei seguenti termini:
2. Il medico competente svolge la propria opera in qualità di:
a) dipendente di una struttura esterna pubblica, convenzionata con l’imprenditore;
b) libero professionista in rapporto di convenzione diretto con il datore di lavoro che ha obbligo indelegabile di nomina;
c) dipendente del datore di lavoro.

Questo è il capofila di un consorzio di problemi; se non si risolve questo è quasi inutile discutere. Ci prendiamo in giro.
Tcam

https://www.facebook.com/retemedicicompetenti

Gabibbo

Gabibbo
Provenienza
Napoli
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
41
  • Re: Medico Competente- Contratti e Nomina
  • (04/12/2009 18:59)

Susanna,
condivido in pieno sul fatto che le attività di medicina del lavoro siano trattatate alla stregua dell'acquisto al massimo ribasso della carta igienica e/o delle penne.
Il problema è di fondo, è politico, morale, etico-deontologico per chi esercita la professione di medico del lavoro.
Il legislatore promulga un decreto (81/08) che di fatto poco o nulla cambia sulle attività di tutela della salute se non su aspetti burocratico-amministrativi che (con i risvolti giudiziari conseguenti) non fanno altro che distogliere l'attenzione del MC dal suo vero ed unico mandato (Corretta Sorveglianza Sanitaria e promozione della salute). Bene, al RSPP tutto è concesso, può essere anche solo diplomato, aver fatto 3 corsi "farsa", ed essere "OBBLIGATORIAMENTE NOMINATO DAL DATORE DI LAVORO". E' suo "advisor" fiduciario per il diritto. Il povero medico competente ( mancano all'appello solo i pediatri (per la tutela del lavoro minorile ed i ginecologi per le attività di mercificazione del corpo) può essere nominato dall'ultimo dei ragionieri presenti in azienda, visto che deve solo certificare che un "invalido INPS per cecità" sia idoneo alla guida di automezzi trasporto merci pericolose.
Ma il Ns parlamento, quando ha legiferato, era forse sotto attacco chimico, biologico o quant'altro? Ed il Ns Egregio Presidente Giorgio Napolitano, vuole farsi illuminare da esperti del settore prima di partire e dico giustamente contro le morti bianche?. Un bravo consigliere avrebbe comunicato al Presidente che l'infortunio (effetto speciale mediatico) attira tanto l'attenzione, ma le malattie professionali, quelle che solo una corretta sorveglianza sanitaria può limitare, fanno "danni generazionali, lutti e danni psicosociali irreversibili, ma se ne parla solo nei grandi processi".
Che dire, Susanna, CONSIP è una bufala, un tentativo di immissione del controllo del Ministero delle Finanze su un argomento delicato, quale quello del controllo della spesa pubblica.
Purtroppo un bene primario di tutela, quale quello della tutela della salute dei lavoratori è entrato in questo grande calderone, fatto di penne, fax, fotocopiatrici, carta igienica, etc.... non so il perchè, ma penso di saperlo (eh,eh,eh).
Ritengo doveroso ribadire il principio fondamentale di alta specializzazione del medico del lavoro e l'impossibilità costituzionale di intermediazione fatta da terzi circa l'erogazione di prestazioni mediche finalizzate a formulare diagnosi ( Se andate in una clinica privata) la parcella del professionista è disgiunta da quelle che sono le prestazioni assistenziali). Tutte le società di servizi che vendono sorveglianza sanitaria, nomina del medico competente, etc.. SONO FUORILEGGE ( es. banale per dirne una, fatturano con IVA e tutte le attività del medico competente sono esenti). Tali società non hanno alcuna responsabilità penale sull'operato del MC, che risponde in prima persona dei propri eventuali errori, etc... e potrei andare avanto per un bel pò. Insomma il concetto di base è: che mi lamento a fare sulle modifiche ipotizzabili dell'articolo x piuttosto che Y, basta che dichiaro la mia indisponibilità a giocare!!!!!!).

Caro Tcam,
penso che il messaggio sia giunto chiaro,

Io vedo solo la nomina diretta da parte del datore di lavoro, quale obbligo indelegabile.
Aggiungo, le mie uniche tre nomine sono fatte così, perche o prendere o lasciare.

Ciao,

Gabibbo

Gabibbo!

Tutti i diritti riservati - Copyright 2001-2015 MedicoCompetente.it