Il portale del Medico del Lavoro Competente

Ricerca

Login

Informazioni

Permesso di lettura:
Tutti gli utenti
Permesso di scrittura:
Utenti registrati

Network

medico competente

Questo argomento ha avuto 0 risposte ed è stato letto 1915 volte.

cabecao

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Roma
Professione
Altro (Non presente in elenco)
Messaggi
10
  • medico competente
  • (16/02/2010 09:21)

Come si deve comportare un dipendente, che in una azienda dove viene discriminato e che non rispetta o non fà rispettare norme sicurezza e igieniche, vede in tutto questo colpa aziendale per l'incremento delle sue patologie?Lavoro da piu' di 30 anni di notte in ambiente rumoroso polveroso.Soffro di patologie come asma,angioedema con orticaria allergica,leggera sciatalgia e ansia associata a insonnia.Causa disaccordi economici (in mano a legali) mi sono sempre sentito trattato in modo discriminatorio rispetto agli altri colleghi che non ha fatto altro che aumentare il mio stato di ansia anche perchè non sono un carattere arrendevole.Nel mio reparto nonostante sia vietato e averlo comunicato ai preposti ancora si fuma.Si usa soffiare macchinari con pistola aria compressa nonostante la azienda ci ha munito di aspiratore.Nel reparto l'azienda non ci ha munito per alzare dei pesi ad altezza testa di adeguati strumenti e i macchinari, per rendere la fuoriuscita dei prodotti piu' celere ,sono stati modificati sugli sportelli di sicurezza.ultimamente ho segnalato il tutto al medico competente.Ravviso in tutto questo una grossa responsabilità della azienda.Le mie patologie non vengono aiutate e per risposta siccome vado in malattia spesso l'azienda mi manda a visita collegiale.Ormai sono in stato di guerriglia ma come vi ho detto non sono arrendevole (mi aumenta l'ansia ma non mi piego).

MedicoCompetente.it - Copyright 2001-2022 Tutti i diritti riservati - Partita IVA IT01138680507

Privacy | Contatti