Il portale del Medico del Lavoro Competente

Ricerca

Login

Informazioni

Permesso di lettura:
Tutti gli utenti
Permesso di scrittura:
Utenti registrati

Network

Standards web

Valid XHTML 1.1! Valid CSS!

FIRMA SUGLI ACCERTAMENTI

Questo argomento ha avuto 2 risposte ed è stato letto 1118 volte.

danchi

danchi
Provenienza
Roma
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
5
  • FIRMA SUGLI ACCERTAMENTI
  • (11/01/2018 19:37)

Salve, sono un nuovo medico del lavoro.
Volevo avere un chiarimento per cominciare ad operare con il piede giusto.
So che la firma su cartella e giudizio non è più obbligatoria, ma su accertamenti come Audit-C, Cage, scheda rachide etc. esiste un obbligo di firma?
Grazie per le risposte.

danchi

danchi
Provenienza
Roma
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
5
  • Re: FIRMA SUGLI ACCERTAMENTI
  • (26/01/2018 09:04)

Visto che nessuno risponde, rigiro la domanda. Avete conoscenza di qualcuno che è stato sanzionato per omessa firma sugli accertamenti? Il problema si pone naturalmente in quanto utilizzo una cartella informatizzata. So che esiste la tavoletta per la firma grafometrica ma la domanda che pongo é più specifica.
Grazie in anticipo per le eventuali risposte.

milvio.piras

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Cagliari
Professione
Medico del Lavoro Competente
Messaggi
446
  • Re: FIRMA SUGLI ACCERTAMENTI
  • (27/01/2018 09:36)

Si possono distinguere accertamenti per il quale il soggetto da esaminare resta passivo e non può influenzare l'esito, il cui risultato definitivo può arrivare anche dopo giorni (esami del sangue, ECG, radiografie ecc) ed esami che prevedono una partecipazione attiva, più o meno passibile di falsificazione da parte dell'interessato (audit, scheda rachide, in una certa misura anche la semplice audiometria tonale liminare, e in genere tutta la parte anamnestica). Personalmente non capisco l'utilità di gran parte delle schede aggiuntive se già la cartella può essere abbastanza dettagliata con apposite sezioni (alla fine non si fa che ripetere un sacco di volte dati già acquisiti e appesantire il faldone), e inoltre, ore gli scopi del medico competente dilungarsi a puntualizzare e descrivere nei minimi particolari elementi e situazioni normali non ha alcuna utilità pratica (può o dovrebbe bastare anche un semplice "NDR" dove non c'è nulla da rilevare). È anche vero che si vedono in giro cartelle ben lontane dal presentare i requisiti minimi previsti dal mod. 3a e alcuni colleghi anche della ASL hanno la passione per le schede specifiche, ma a me sembrano solo uno spreco di carta.
In ogni caso, alcuni di questi moduli prevedono espressamente la firma del lavoratore. In teoria è l'unico modo per sollevare il medico da responsabilità (in teoria!).

MedicoCompetente.it - Copyright 2001-2018 Tutti i diritti riservati - Partita IVA IT01138680507

Privacy | Contatti