Il portale del Medico del Lavoro Competente

Sezioni del portale

Ricerca

Login

Informazioni

Permesso di lettura:
Tutti gli utenti
Permesso di scrittura:
Utenti registrati

Network

Standards web

Valid XHTML 1.1! Valid CSS!

Idoneità fisica alla mansione specifica infermiere

Questo argomento ha avuto 7 risposte ed è stato letto 1083 volte.

Nurse

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Olbia-Tempio
Professione
Altro (Non presente in elenco)
Messaggi
1
  • Idoneità fisica alla mansione specifica infermiere
  • (01/02/2018 09:44)

Buongiorno,
Volevo chiedere il vostro parere riguardo un'idoneità fisica con limitazioni riguardanti il sollevamento di carichi che mi è stata data in sede di visita pre assuntiva dopo aver vinto un concorso per infermiere. A seguito di questo giudizio del medico competente, hanno deciso di non assumermi più. Io ho una lieve scoliosi, e quando feci 18 anni i miei genitori richiesero l'invalidità per questa patologia,che mi fu data al 50%. Ora ho 23 anni. L'ortopedico che mi segue ha dichiarato la scoliosi stabile, ed essendomi sottoposta a successiva visita ortopedica proprio qualche giorno dopo il giudizio del medico competente,ho esposto il problema allo specialista che mi ha certificato che, data l'entità minima della scoliosi, sono idonea allo svolgimento di qualsiasi mansione in qualsiasi ambito lavorativo, dicendomi che il giudizio di invalidità ad oggi dovrebbe essere riesaminato. Data la mia disponibilità a chiedere la revoca dell'invalidità nel caso questa possa comportarmi problemi per l'assunzione in questa Asl come in altre, volevo chiedere come potessi muovermi per presentare un ricorso contro il giudizio del medico competente, tenendo conto che a tutti gli effetti questo è stato basato più sull'aver visto la fatidica "invalidità al 50%" piuttosto che sull'avermi sottoposto a una visita accurata o basata su referti recenti della mia patologia.
Spero possiate aiutarmi, grazie.

lanfraz

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Pavia
Professione
Medico Competente
Messaggi
387
  • Re: Idoneità fisica alla mansione specifica infermiere
  • (01/02/2018 13:25)

Può presentare ricorso entro 30 giorni dalla data di comunicazione del giudizio di idoneità all'ASL competente per territorio. Penso che possa trovare i riferimenti a questo indirizzo, se la provenienza indicata è corretta:

http://www.aslolbia.it/index.php?xsl=7&s=2352&v=2&c=381

Una domanda: ma ha presentato la relazione dell'ortopedico in sede di visita con il medico competente..?

annuscor

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Bari
Professione
Medico Competente
Messaggi
159
  • Re: Idoneità fisica alla mansione specifica infermiere
  • (01/02/2018 18:50)

Molto spesso il Medico Competente viene ancora oggi utilizzato per scegliere i cavalli da corsa e non per fare prevenzione. L’attività del Medico Competente è regolamentata dalle norme specifiche di sicurezza sul lavoro. Poiché lei ha effettuato non una visita di assunzione (proibita al Medico Competente) ma una visita preventiva in fase preassuntiva (ben altra cosa) si applica l’art. 42 del D. Lgs. 81. Circa la correttezza di queste visite spacciate per preventive (ma di fatto di assunzione) dovrebbe segnalare allo SPESAL anche l’operato della Direzione Aziendale e del Medico Competente e richiedere una indagine sulla correttezza di tutte le procedure. Ad es. valutare se nella cartella è indicato il reparto, la mansione e i rischi valutati. Il Giudizio del Medico Competente non è riferito solo al lavoratore ma al lavoratore nel contesto di una specifica organizzazione (idoneità specifica). Se nella cartella tutti questi elementi non sono stati inseriti il giudizio è viziato e quindi nullo

tonyporro

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Barletta - Andria - Trani
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
83
  • Re: Idoneità fisica alla mansione specifica infermiere
  • (01/02/2018 20:51)

Ben detto!

faggiano.danilo

faggiano.danilo
Provenienza
Lecce
Professione
Medico Competente
Messaggi
588
  • Re: Idoneità fisica alla mansione specifica infermiere
  • (02/02/2018 19:58)

annuscor il 01/02/2018 06:50 ha scritto:
Molto spesso il Medico Competente viene ancora oggi utilizzato per scegliere i cavalli da corsa e non per fare prevenzione. L’attività del Medico Competente è regolamentata dalle norme specifiche di sicurezza sul lavoro. Poiché lei ha effettuato non una visita di assunzione (proibita al Medico Competente) ma una visita preventiva in fase preassuntiva (ben altra cosa) si applica l’art. 42 del D. Lgs. 81. Circa la correttezza di queste visite spacciate per preventive (ma di fatto di assunzione) dovrebbe segnalare allo SPESAL anche l’operato della Direzione Aziendale e del Medico Competente e richiedere una indagine sulla correttezza di tutte le procedure. Ad es. valutare se nella cartella è indicato il reparto, la mansione e i rischi valutati. Il Giudizio del Medico Competente non è riferito solo al lavoratore ma al lavoratore nel contesto di una specifica organizzazione (idoneità specifica). Se nella cartella tutti questi elementi non sono stati inseriti il giudizio è viziato e quindi nullo

Faccio un po' di provocazione, ma mica tanto: un datore di lavoro sarà ben libero di poter scegliere di assumere un lavoratore idoneo "pieno" al posto di uno con limitazioni/prescrizioni? Potrà essere libero di fare impresa scegliendosi i collaboratori migliori sul mercato?
La previdenza sociale è demandata alle istituzioni pubbliche o al privato nell'ambito delle prescrizioni di legge già note. Non si può pretendere che il privato (con tutti i problemi che già sopporta per tutta la baracca di adempimenti e tasse) si faccia carico anche di cose che non può sostenere.
Quando un cittadino partecipa ad un concorso, per esempio come vigile del fuoco, non accetta che si faccia selezione anche sui suoi requisiti fisici?
Non mi sembra folle.

A pensar male si fa peccato ma ci s'azzecca!

annuscor

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Bari
Professione
Medico Competente
Messaggi
159
  • Re: Idoneità fisica alla mansione specifica infermiere
  • (03/02/2018 18:06)

Le provocazioni tra colleghi sono sempre gradite e stimolanti e rispondo volentieri. La facoltà di scegliere i lavoratori più adatti (non entro in merito a valori etici o sociali) è riconosciuta al Datore di Lavoro . Ma la facoltà secondo la giurisprudenza è art. 5 della L. 300, la sorveglianza sanitaria, sempre secondo la giurisprudenza, è obbligo perché finalizzata alla tutela della salute come bene collettivo. Dove sta il MC? Non dovrebbero esserci dubbi. Spesso non ci rendiamo conto di quanti pasticci combiniamo quando non abbiamo chiaro il nostro ruolo. Quale buon medico del lavoro (o MC) farebbe non idoneo un infermiere perché ha la scoliosi in un reparto che, PER LEGGE, deve essere dotato di ausili per la movimentazione pazienti? E se non ci sono ausili? Il Datore di Lavoro è sanzionabile e il posto di lavoro non è idoneo per nessuno neanche per infermieri – sani scaricatori di porto. Il Collega che ha espresso la limitazione nel caso in questione forse (?) non si è reso conto che non stava facendo sorveglianza sanitaria (prevenzione) ma selezione del personale secondo criteri rozzi dettati dall’Ufficio Personale della ASL. Ha combinato veramente un bel pasticcio. E’ difficile far capire questa storia alle direzioni aziendali delle ASL quando ci interpellano per le visite preventive pre assuntive. Alla fine si danneggiano i lavoratori e, di fatto, si approfitta del proprio ruolo per mettere mano in campi non di pertinenza per favorire il (rozzo) datore di lavoro. Il MC farebbe meglio a spiegare quali sono i requisiti di sicurezza dei posti di lavoro (MAPO < 1,5) piuttosto che esprimere limitazioni. Se gli ospedali rispettassero la Legge (sollevatori, ausili minori, letti ergonomici) l’infermiere con scoliosi (anche grave) potrebbe regolarmente lavorare con dignità e sicurezza

arierre

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Milano
Professione
Medico
Messaggi
35
  • Re: Idoneità fisica alla mansione specifica infermiere
  • (06/02/2018 22:39)

annuscor il 03/02/2018 06:06 ha scritto:
Le provocazioni tra colleghi sono sempre gradite e stimolanti e rispondo volentieri. La facoltà di scegliere i lavoratori più adatti (non entro in merito a valori etici o sociali) è riconosciuta al Datore di Lavoro . Ma la facoltà secondo la giurisprudenza è art. 5 della L. 300, la sorveglianza sanitaria, sempre secondo la giurisprudenza, è obbligo perché finalizzata alla tutela della salute come bene collettivo. Dove sta il MC? Non dovrebbero esserci dubbi. Spesso non ci rendiamo conto di quanti pasticci combiniamo quando non abbiamo chiaro il nostro ruolo. Quale buon medico del lavoro (o MC) farebbe non idoneo un infermiere perché ha la scoliosi in un reparto che, PER LEGGE, deve essere dotato di ausili per la movimentazione pazienti? E se non ci sono ausili? Il Datore di Lavoro è sanzionabile e il posto di lavoro non è idoneo per nessuno neanche per infermieri – sani scaricatori di porto. Il Collega che ha espresso la limitazione nel caso in questione forse (?) non si è reso conto che non stava facendo sorveglianza sanitaria (prevenzione) ma selezione del personale secondo criteri rozzi dettati dall’Ufficio Personale della ASL. Ha combinato veramente un bel pasticcio. E’ difficile far capire questa storia alle direzioni aziendali delle ASL quando ci interpellano per le visite preventive pre assuntive. Alla fine si danneggiano i lavoratori e, di fatto, si approfitta del proprio ruolo per mettere mano in campi non di pertinenza per favorire il (rozzo) datore di lavoro. Il MC farebbe meglio a spiegare quali sono i requisiti di sicurezza dei posti di lavoro (MAPO < 1,5) piuttosto che esprimere limitazioni. Se gli ospedali rispettassero la Legge (sollevatori, ausili minori, letti ergonomici) l’infermiere con scoliosi (anche grave) potrebbe regolarmente lavorare con dignità e sicurezza

arierre

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Milano
Professione
Medico
Messaggi
35
  • Re: Idoneità fisica alla mansione specifica infermiere
  • (06/02/2018 22:57)

Mi sembra che all'intreno di questo caso ci siano parecchi errori!
Innanzitutto dare una invalidità del 50% per una lieve scoliosi (così scrive) è una vergogna! ma il MC non deve tenere conto di quanto legalmente stabilito da una commssione ad hoc?
E' vero che in ospedale si devono utilizzare i sollevatori...ma se un paziente cade a terra, sta male, si accascia, si aspetta il sollevatore?
Inoltre va fatta la mobilizzazione nel letto quando si cambiano le lenzuola e 2 infermiere/oss femmine potrebbero mobilizzare non più di 40 kg.
Ovvio che un'infermiera o una OSS devono essere, a 23 anni!, idonee totalmente, altrimenti non arrivano ai 67 anni per la pensione.
Inoltre, avendo lavorato in Ospedale Pubblico, ho visto troppi casi in cui l'operatore chiede di essere esonerato da turni, notti e lavori" gravosi" appigliandosi a tutto per andare nei poliambulatori; e ciò anche in età molto giovane...e nei reparti chi ci va? visto che il turnover è bloccato!
La nostra infermiera valutata idonea senza prescrizione, verosimilmente dopo qualche anno ( o mese) tirerebbe fuori la sua legale invalidità...e quindi?
Non possiamo guardare in una sola direzione!
L'unica nota positiva è l'eventuale revisione della invalidità!

MedicoCompetente.it - Copyright 2001-2018 Tutti i diritti riservati - Partita IVA IT01138680507

Privacy | Contatti