Il portale del Medico del Lavoro Competente

Ricerca

Login

Network

Standards web

Valid XHTML 1.1! Valid CSS!

Aggiungi un evento

Per aggiungere un evento all'archivio è necessario essere iscritti al sito e aver fatto il login

Eventi

Il Medico Competente e il Documento di Valutazione dei Rischi

Nessuna locandina per questa risorsa
Segnalato da
sanlorenzoservizisrl
Tipologia
Corso
A cura di
Scuola del Casentino - San Lorenzo Servizi srl (Firenze)
Dove
Stia - Arezzo
Quando
28 Mag 2015

La valutazione dei rischi costituisce un elemento fondamentale per la prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro e la tutela della salute dei lavoratori. Le Normative di settore (D.Lgs. 81/2008 modificato e integrato dal D.Lgs. 106/2009) affidano tale compito esclusivo al Datore di Lavoro (art. 17 comma 1 lettera a), che lo effettua attraverso la collaborazione obbligatoria del Medico Competente (art. 25 comma 1) e del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Il Medico Competente è perciò sanzionato per la mancata collaborazione (art. 58 comma 1 lettera c D.Lgs. 106/2009). Il Datore di Lavoro ha l’obbligo non delegabile di redigere il Documento di Valutazione dei Rischi (art. 28 comma 2).
Il Corso di aggiornamento si rivolge ai Medici Competenti, agli Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione (ASPP) e ai loro Responsabili (RSPP), ai Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS).
Obiettivo generale del Corso è di valorizzare e qualificare il contributo del Medico Competente nell’utilizzazione, da parte del Datore di Lavoro, del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR), quale strumento utile ed efficace nella gestione del rischio nell’ambiente di lavoro. E’ noto a questo proposito che i DVR risultano in larga misura inefficaci sul piano preventivo a motivo di un loro eccessivo formalismo, in risposta ad un mero obbligo di legge e non piuttosto all’esigenza di una adeguata gestione del rischio.
Obiettivi specifici del Corso sono a) chiarire il ruolo del Medico Competente nella redazione o approvazione del DVR; b) chiarire la modalità di collaborazione con il Datore di Lavoro nel compito di ridurre i rischi, anche mediante la realizzazione di un’idonea sorveglianza sanitaria; c) chiarire i contenuti del DVR che sono indispensabili al Medico Competente per svolgere il suo ruolo (in particolare in relazione alla redazione del protocollo sanitario, alla formazione e informazione, all’espressione del giudizio di idoneità, all’istituzione del registro degli esposti a cancerogeni).
La Scuola del Casentino, settore della San Lorenzo Servizi srl dedicato prevalentemente all’organizzazione di eventi formativi di tipo residenziale, organizza questo Corso con la collaborazione del Dipartimento della Prevenzione dell’Azienda Sanitaria di Firenze e della Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro dell’Università degli Studi di Firenze, con la presenza di autorevoli esperti di livello nazionale.
Anche in questo Corso viene privilegiato il metodo didattico di tipo interattivo attraverso esercitazioni in aula, con la suddivisione dei partecipanti in piccoli gruppi.

Il Medico Competente e il Documento di Valutazione dei Rischi

Nessuna locandina per questa risorsa
Segnalato da
sanlorenzoservizisrl
Tipologia
Corso
A cura di
Scuola del Casentino - San Lorenzo Servizi srl (Firenze)
Dove
Stia - Arezzo
Quando
28 Mag 2015

Il Corso si rivolge ai Medici Competenti (MC), ai quali le normative di settore affidano, unitamente al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP), il compito obbligatorio di collaborare con il Datore di Lavoro (DL) nella valutazione dei rischi. Quest’ultimo ha l’obbligo non delegabile di redigere il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR).
L’obiettivo generale del Corso è di valorizzare e qualificare il contributo del MC nell’utilizzazione, da parte del DL, del DVR, quale strumento utile ed efficace nella gestione del rischio nell’ambiente di lavoro. Gli obiettivi specifici del Corso sono: a) chiarire il ruolo del MC nella redazione o approvazione del DVR; b) chiarire la modalità di collaborazione con il DL finalizzata alla riduzione dei rischi; c) chiarire i contenuti del DVR indispensabili al MC per la redazione del protocollo sanitario, per l’espressione del giudizio di idoneità, per l’istituzione del Registro degli Esposti a cancerogeni, per la formazione-informazione dei lavoratori (lezione di P. Bavazzano).
Attraverso una lezione a più voci (N. Berti, G. Sciarra, F. Capacci), verranno evidenziate e riassunte le principali criticità riscontrate nell’utilizzo del DVR dai diversi protagonisti nella prevenzione nei luoghi di lavoro (DL, MC, RSPP, Rappresentante dei Lavoratori (RLS), Consulente Tecnico, Organo di Vigilanza (ASL).
La lezione di F. Capacci affronterà i contenuti e le modalità della partecipazione del MC alla stesura del DVR, partendo dall’osservazione che attualmente i DVR sono caratterizzati da un eccessivo formalismo ed inefficacia preventiva, in risposta ad un mero obbligo di legge e non piuttosto all’esigenza di un’adeguata gestione del rischio.
La lezione di L. Perbellini chiarirà la stretta relazione tra la fase di valutazione dei rischi e la sorveglianza sanitaria. Tale aspetto infatti non è sempre preso nella giusta considerazione, attribuendo al RSPP il compito della valutazione dei rischi, mentre il MC segue la sorveglianza sanitaria prescindendo spesso dal DVR. La normativa di settore prevede invece che la sorveglianza sanitaria venga istituita solo sulla base dei rischi specifici definiti e riportati nel DVR, continuamente aggiornato. La scarsa collaborazione tra MC e RSPP facilita la dissociazione tra i due aspetti.
La lezione di A. Baldasseroni e D. Talini tratterà il tema dell’efficacia dell’azione del MC nella sua partecipazione alla stesura del DVR. Viene analizzata, attraverso la letteratura scientifica, ciò che è noto sull’argomento dell’efficacia del lavoro del MC e vengono descritti alcuni casi-studio nei quali l’intervento del MC nella fase di stesura del DVR ha modificato in modo significativo la validità di tale analisi. In particolare viene sottolineato il valore che la presenza di competenze medico-biologiche assume quando si affrontano e si valutano i rischi fisico-chimici-organizzativi-ergonomici alla luce della popolazione sulla quale questi incidono (eterogeneità rispetto a sesso, età, origini etniche, variabili psico-sociali).
La lezione di G. Sciarra presenterà i risultati di un’indagine conoscitiva su come vengono redatti, con la consulenza in genere di igienisti industriali, i documenti di valutazione dei rischi chimici. A questo scopo sono state raccolte ed esaminate 63 valutazioni del rischio chimico provenienti dalle aziende di alcune zone delle Province di Siena e Grosseto. L’analisi critica di tali valutazioni ha dimostrato che nella grande maggioranza dei casi sono state compilate in maniera gravemente insufficiente o sbagliate.
La lezione di N. Berti darà indicazioni su come redigere un DVR che possa essere facilmente utilizzato dal MC per l’espressione di un giudizio di idoneità adeguato e specifico.
La prima esercitazione, tenuta in aula da G. Bacci, G. Sciarra e D. Talini, verterà su alcune tematiche particolarmente importanti e delicate per l’attività del MC e degli altri protagonisti della prevenzione negli ambienti di lavoro.
La seconda esercitazione sarà realizzata, con l’assistenza di G. Bacci, A. Baldasseroni, F. Capacci, L. Perbellini, G. Petrioli, G. Sciarra, D. Talini, N. Berti in piccoli gruppi su DVR relativi alla gestione di rischi specifici (rischio chimico nei lavori forestali, rischi nei video terminalisti, rischi nei lavori ospedalieri, il rischio polveri in edilizia).
La verifica finale di apprendimento concluderà i lavori del Corso.

XXVIII CONGRESSO NAZIONALE

Nessuna locandina per questa risorsa
Segnalato da
serena.trincanato
Tipologia
Congresso
A cura di
ANMA - ASSOCIAZIONE NAZIONALE MEDICI D'AZIENDA E COMPETENTI
Dove
CENTRO CONGRESSI RIVA DEL GARDA
Quando
28 Mag 2015 - 30 Mag 2015

Evento annuale di riferimento per il Medico Competente e importante momento per l’acquisizione dei crediti ECM validi per l’aggiornamento professionale, il Congresso è anche e soprattutto l’occasione per fare il punto sulla professione attraverso l’analisi dei suoi vari aspetti tecnici e giuridici e l’approfondimento di argomenti clinici. La prima Sessione è dedicata alle problematiche gestionali del Medico Competente e parte dalla considerazione che in questi ultimi anni si sta assistendo ad un cambiamento della domanda di consulenza delle imprese nei confronti del Medico competente.
La seconda e la terza Sessione intendono fare il punto sulla gestione del rischio cancerogeno in ambiente di lavoro con una approfondito inquadramento della problematica dei tumori professionali. La quarta Sessione affronterà gli stretti legami fra lavoro, salute e benessere e la straordinaria positività del lavoro per l’uomo, l’evidente ricchezza del “poter fare” così connaturale alla struttura stessa della ragione e dell’uomo e come, nell'attuale contesto sociale e normativo, il Medico Competente possa essere promotore del lavoro come fattore di salute, sia attraverso la fattiva collaborazione al processo di miglioramento degli ambienti di lavoro, sia contribuendo alla collocazione più opportuna specie dei lavoratori cosiddetti “fragili”(anziani, disabili, portatori di malattie gravi o invalidanti).

Stress e Mobbing sul lavoro

Locandina di Stress e Mobbing sul lavoro
Segnalato da
Segreteria FerrariSinibaldi
Tipologia
Corso
A cura di
SIPISS
Dove
Abbazia di Novacella - Via Abbazia, 1, Varna Bolzano
Quando
05 Giu 2015 - 06 Giu 2015

Presentazione corso
Le organizzazioni, si trovano oggi ad affrontare un'ampia ricomposizione interna e anche il cambiamento della figura professionale del lavoratore. Aspetti psicosociali, legati a specifiche caratteristiche degli individui, possono provocare sindromi di adattamento, stress e psicopatologie dell'organizzazione.
Il corso di formazione specialistica si propone come un momento di studio e approfondimento centrato sulla tematica del mobbing e dello stress lavorativo. Spesso i due fenomeni vengono confusi e sovrapposti, l’obiettivo del corso è di fornire strumenti per poterne evidenziare le cause e i differenti effetti. Le lezioni si caratterizzano per un’impronta pratica e pragmatica, verranno forniti strumenti concreti per poter trattare casi di stress e mobbing, effettuare valutazioni e formulare progetti di prevenzione e intervento.


Organizzazione del corso
Durata e periodo di svolgimento: 5 e 6 giugno 2015
Location ipotizzata: Abbazia di Novacella - Via Abbazia, 1, Varna Bolzano
Quota di partecipazione: 380€+Iva 22%
Crediti: 15 ECM


Programma corso
1° giorno
Il d.l. 81/08 e i rischi da stress
Lo stress lavoro-correlato: fondamenti bio-psico-sociali
I fattori di rischio psico-sociale secondo il Testo Unico
Le richieste normative minime del T.U. e le richieste di secondo livello
Il Protocollo SSR Standard per la valutazione dei rischi e l’adeguamento alla normativa
Le modalità di valutazione e di misura del rischio stress
Le tabelle di riferimento ed i parametri di allerta
Riconoscerne i sintomi e ricondurli alle cause
La prevenzione di primo e secondo livello
La gestione del rischio e dell’evento stressante
Esempi di progetto e di intervento in azienda per la promozione del benessere e la prevenzione di casi di stress
I principali strumenti di indagine, prevenzione e intervento
Il ruolo di RSPP, ASPP, RSL, Medico Competente nella valutazione del Rischio Psico-sociale
Il Protocollo SSR e la Certificazione SSR

2° giorno
Il concetto di Mobbing, origine del fenomeno e manifestazioni
Ipotesi esplicative sul fenomeno del mobbing
L’identikit del mobber, del mobbizzato e degli spettatori
Le diverse forme del mobbing
Le patologie che ricorrono in casi di mobbing
Il PTSD e il Disturbo dell’Adattamento
Conseguenze del Mobbing sulla salute del lavoratore: aspetti fisiologici e degenerativi
Conseguenze del Mobbing: il danno per l’azienda e per la produttività
Come riconoscere il fenomeno
Le abilità che possono aiutare i soggetti a rischio a vincere e prevenire situazioni critiche
Progettazione di interventi di valutazione e di prevenzione del fenomeno
Strumenti e tecniche di diagnosi del fenomeno
Gli sportelli Mobbing

Le tecniche di rilassamento

Locandina di Le tecniche di rilassamento
Segnalato da
Segreteria FerrariSinibaldi
Tipologia
Corso
A cura di
Sipiss
Dove
via Ciro Menotti, 9. Milano
Quando
05 Giu 2015 - 06 Giu 2015

Obiettivi
Le tecniche di rilassamento sono un importante strumento per intervenire sull’unità soma-psiche e migliorare l’equilibrio psico-fisico. Gli ambiti applicativi spaziano dai contesti lavorativi a quelli sportivi e scolastici, più in generale risultano efficaci in situazioni in cui è richiesta una performance o in particolari condizioni di stress. Queste tecniche possono risultare di particolare utilità anche all’interno di percorsi strutturati per il trattamento dei disturbi d’ansia e psicosomatici.
All’interno del corso verranno prese in esame e sperimentate le più tradizionali tecniche di rilassamento come il rilassamento progressivo di Jacobson e il training autogeno di Schultz, ma anche le tecniche derivanti dalla mindfulness, gli esercizi di visualizzazione e quelli di respirazione.
L’approccio esperienziale che caratterizza la formazione consente al professionista di entrare in contatto diretto con la tecnica in modo da poterne realmente comprendere caratteristiche e potenzialità al fine di una loro corretta applicazione.

Programma formativo
Basi psicofisiologiche del rilassamento
Il setting del rilassamento
Il rilassamento progressivo di Jacobson
Il training autogeno di Schultz; esercizi di base e complementari
Le tecniche di visualizzazione e il posto sicuro
La respirazione addominale
Le tecniche mindfulness
Ambiti applicativi e progetti di intervento
Prospettive di integrazione delle tecniche di rilassamento

Docenti
Valentina Penati - Psicologa e Psicoterapeuta ad indirizzo cognitivo-costruttivista si occupa di benessere e della valutazione dello stress e dei rischi psicosociali nelle organizzazioni. Specialista nel trattamento dei disturbi d’ansia e disturbi del comportamento alimentare.

Destinatari
Il corso è rivolto a psicologi, psicoterapeuti e medici, osteopati e fisioterapisti, che vogliano approfondire la tematica del rilassamento e delle diverse tecniche. Sono ammessi fino a 12 iscritti.

Costi
Il costo complessivo del corso è 250 € + IVA 22%.
Per iscrizioni multiple, su entrambe le quote prevediamo uno sconto del 15%.

Tutti i diritti riservati - Copyright 2001-2015 MedicoCompetente.it