Il portale del Medico del Lavoro Competente

Ricerca

Login

Informazioni

Permesso di lettura:
Tutti gli utenti
Permesso di scrittura:
Utenti registrati

Network

QUANTO E GIUSTO PAGARE UNA VISITA MEDICA ?

Questo argomento ha avuto 27 risposte ed è stato letto 3542 volte.

mantello

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Milano
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
547
  • Re: QUANTO E GIUSTO PAGARE UNA VISITA MEDICA ?
  • (24/02/2023 14:05)

Per esperienza personale so che le tariffe delle prestazioni a pagamento adottate in Piemonte e simili a quelle lombarde non sono sufficienti a coprire i costi aziendali per l'effettuazione delle prestazioni. La somma del costo orario del personale (costo reale, intendo, inclusi gli oneri a carico del DdL) più i costi generali della struttura che fornisce le prestazioni più i costi generali aziendali eccede ampiamente quanto viene chiesto al pagatore privato. Non so dire se il mantenimento di quelle cifre sia frutto di pigrizia burocratica o di convenienza/ignavia politica. Se trasferiamo le cifre alla pratica libero professionale privata la musica non cambia. Dedotte le spese "di base" (assicurazione, commercialista, ecm...), le tasse, le ritenute previdenziali; dedotte le spese e i tempi legati all'erogazione delle singole prestazioni resta ben poco per retribuire la prestazione. Sono personalmente convinto che gran parte della cattiva qualità dimolte prestazioni di MC sia correlabile alla necessità di far visite "a raffica" per portare a cas ala pagnotta.

carlpam

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Padova
Professione
Medico Competente
Messaggi
1009
  • Re: QUANTO E GIUSTO PAGARE UNA VISITA MEDICA ?
  • (24/02/2023 20:38)

la collaborazione al DVR quanto vale (anch'io direi ad h di prestazione)

e volete mettere quanto facciamo risparmiare alle aziende ad esempio rischio biologico inesistente o tecnicamente assurdo ... bloccando proliferazioni di documenti e conseguente formazione inutile ....?

serve porre al centro che SI TRATTA DI MEDICINA (e IGIENE INDUSTRIALE) DEL LAVORO

ABBIAMO O NO IL CORAGGIO DI DIRE AL DdL CHE IL DVR è scritto da incompetenti che copiano pagine di patologia SENZA ALCUNA NECESSITA' e che il DVR non va rinnovato salvo le condizioni di MODIFICHE DELLA PRODUZIONE, INFORTUNI GRAVI, e il nostro parere come Sorv.San è NON SI EVIDENZIA LA NECESSITA' ?

se non si dicono queste cose e tutte le altre nostre prerogative, funzioni, prestazioni rischiano di essere minimizzate o quantomeno ritenute accessorie e si fa il gioco delle S.di Serv.(SS)

giancarlo

giancarlo
Provenienza
Viterbo
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
494
  • Re: QUANTO E GIUSTO PAGARE UNA VISITA MEDICA ?
  • (26/02/2023 10:04)

Se invece di ragionare " a visita" si ragionasse
sulla base della consulenza che il medico competente
"deve" fornire in base agli obblighi ?
In passato ho visto " contratti"
in cui veniva riportata esclusivamente la parcella
prevista per lo svolgimento della
consulenza di m.c..
E' chiaro che bisogna essere " bravi" a stabilire
questa "tariffa" omnicomprensiva sulla base della tipologia
della ditta, dei rischi ,del comparto , del numero di dipendenti
diciamo della " complessita'( sopralluoghi,incontri di formazione,
riunioni,elaborazione dati statistici,confronto con organi di vigilanza,
lavoratrici madri,legge 68).
Anche io ho applicato questo metodo e vi garantisco
che si lavora molto meglio.
Chiaramente è difficilmente applicabile nelle piccole realtà ( 1-5 dip.)

drgasp

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Venezia
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
103
  • Re: QUANTO E GIUSTO PAGARE UNA VISITA MEDICA ?
  • (03/05/2023 18:50)

scusate ma un qualsiasi altro specialista non chiede meno di 100-130 euro per una visita, quale sarebbe la logica per cui noi dovremmo lavorare per cifre inferiori? oltretutto siamo gli unici specialisti che per lavorare devono essere iscritti in una lista speciale e per questo ottemperare sul serio all'obbligo delle formazione. E ancora si parla di visite a 20 euro!!!!!! La rovina della medicina del lavoro dipende dai poliambulatori ( e dai medici sfruttati che ci lavorano) che si propongono a prezzi stracciati per le visite ma che poi lucrano con vari accertamenti spesso inutili o comunque non necessari.

La Redazione

La Redazione
Provenienza
Pisa
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
1659
  • Re: QUANTO E GIUSTO PAGARE UNA VISITA MEDICA ?
  • (04/05/2023 16:16)

drgasp il 03/05/2023 06:50 ha scritto:
scusate ma un qualsiasi altro specialista non chiede meno di 100-130 euro per una visita, quale sarebbe la logica per cui noi dovremmo lavorare per cifre inferiori? oltretutto siamo gli unici specialisti che per lavorare devono essere iscritti in una lista speciale e per questo ottemperare sul serio all'obbligo delle formazione. E ancora si parla di visite a 20 euro!!!!!! La rovina della medicina del lavoro dipende dai poliambulatori ( e dai medici sfruttati che ci lavorano) che si propongono a prezzi stracciati per le visite ma che poi lucrano con vari accertamenti spesso inutili o comunque non necessari.

Hai pienamente ragione. Però è corretto valutare l'attività non solo per le visite ma anche per la consulenza. Il medico competente è un "consulente globale" e deve poter avere tariffe adeguate al ruolo.

La redazione di MedicoCompetente.it

Conte_Vlad_III

Conte_Vlad_III
Provenienza
Pavia
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
379
  • Re: QUANTO E GIUSTO PAGARE UNA VISITA MEDICA ?
  • (04/05/2023 19:30)

La Redazione il 04/05/2023 04:16 ha scritto:
Hai pienamente ragione. Però è corretto valutare l'attività non solo per le visite ma anche per la consulenza. Il medico competente è un "consulente globale" e deve poter avere tariffe adeguate al ruolo.

Senza dubbio, ricordandoci pero' che per obbligo di legge ed almeno nella maggior parte dei casi visitiamo gente sana. Irrealistiche tariffe a visita a tripla cifra.

mantello

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Milano
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
547
  • Re: QUANTO E GIUSTO PAGARE UNA VISITA MEDICA ?
  • (05/05/2023 18:29)

L’errore di fondo, credo, è quello di porre la visita come unica attività caratterizzante e monetizzabile del MC quale specialista in prevenzione e diagnosi delle malattie correlabili con il lavoro. Paradossalmente i Centri Servizi lo hanno capito e tendono ad utilizzare i medici come “visitatori”, trattenendo per sé la ciccia. Molti MC peraltro sono sostanzialmente (e forse involontariamente) complici di chi circoscrive e svaluta la loro attività rendendola remunerativa solo in caso di realizzazione di grandi volumi di visite in tempi stretti (il visitificio). Spesso si ha l’impressione di un cane che si morde la coda:” ti pago poco perché fai un lavoro poco professionale” cui segue (o precede) “come puoi pretendere un lavoro qualificato se paghi così poco”. Non credo basti mettersi in testa un cappellino per pretendere di essere profumatamente pagati. E’ ovviamente ingiusto fare generalizzazioni però l’esperienza mi dice che la percentuale di MP o di sospette MP segnalate o indagate clinicamente dai MC non è particolarmente elevata rispetto al totale delle segnalazioni. E questo dovrebbe far riflettere sulle modalità e qualità di esecuzione della SS. Credo poi che per quanto riguarda il compenso sia ragionevole distinguere la visita periodica di sorveglianza sanitaria (anche se è di buona qualità) dalla visita per il sospetto di malattia professionale/correlata al lavoro. Quest’ultima visita è, a mio parere, quella più assimilabile alle visite specialistiche al cui compenso fa riferimento il Collega. In conclusione concordo, come detto, con la Redazione sul fatto che l’attività del MC non debba essere circonclusa nella SS, ma non sul fatto che sia ragionevole chiedere compensi di 100/130 E per ogni singola visita di SS.
Aggiungo una riflessione sul post del Conte. Definire la SS come attività in cui si visitano persone sane contribuisce a svilirne il significato. Credo che la SS abbia come scopo quello di cogliere segni iniziali di patologie interferenti/correlabili al lavoro. In questo senso richiede attenzione, spirito critico, disponibilità di indicatori sensibili e di spirito critico senza essere scettico. Non c'è il vantaggio dato dal Paziente che si presenta con un sintomo da cui avviare l'indagine. Certo non mi riferisco alle cartelle sanitarie piene di "ndp", "nega" "////" o, più recentemente, di ossessivi copia/incolla dalla visita precedente

Conte_Vlad_III

Conte_Vlad_III
Provenienza
Pavia
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
379
  • Re: QUANTO E GIUSTO PAGARE UNA VISITA MEDICA ?
  • (05/05/2023 19:30)

Oltre a proporre considerazioni di principio si potrebbe provare ad essere realistici. Penso ci sia ampio margine di miglioramento, incominciando da quello che facciamo ed offriamo come consulenti e considerato il contesto normativo in cui ci collochiamo. Visitiamo molti sani e tanti, troppi lavoratori che non hanno rischi. O che lavorano al VDT. E in questo modo compensiamo altro. Quando finiremo di svilirci in queste cose saremo pronti per misurarci con sfide anche per noi più gratificanti. Ndp/ndr o nega o il copia incolla lo usano anche gli specialisti da qualche centinaia di euro, forma o sostanza?

mantello

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Milano
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
547
  • Re: QUANTO E GIUSTO PAGARE UNA VISITA MEDICA ?
  • (08/05/2023 15:04)

E’ ovvio constatare che esiste un vistoso gap tra quel che si dovrebbe fare e quel che si fa in ambito di SS. Da qui trova la sua giustificazione il circolo vizioso del “pago poco/faccio poco emale”. Non basta però constatare. Occorre, io credo, chiedersi se sia necessario modificare la pratica per indirizzarla verso la teoria o se ci si possa accontentare di utilizzare la pratica come teoria cui adeguarsi. Sulla utilità della SS si possono dire molte cose e fare molti distinguo. Quel che mi pare innegabile è che la sola SS assolutamente inutile (se non nociva) è quella fatta male. Quanto poi al fatto che visitiamo lavoratori sani credo sia molto meglio che visitare lavoratori malati, ma che questo non può essere un criterio per valutare l’utilità dell’atto. Concordo sul fatto che esistono sacche di inutilità (e speculazione) sia sull’effettuazione sia sui contenuti della SS. Per parlarne in maniera non sbrigativa credo però che dobbiamo intenderci su alcuni punti.
A) Quale è il concetto di salute cui facciamo riferimento. Personalmente sono cresciuto tra silicosi, saturnismi e quant’altro. Rispetto ad allora il concetto di salute è cambiato, è cambiata l’età media della popolazione lavorativa, è cambiata la tecnologia, è cambiata e continua sempre più rapidamente a cambiare l’organizzazione del lavoro. Il riferimento al passato è sempre meno significante
B) La sorveglianza sanitaria non può essere considerata e condotta come la valutazione puntuale con criteri medico legali dell’idoneità alla mansione specifica (ammesso che la mansione specifica esista ancora). Per sua stessa natura la SS ha necessariamente anche l’obiettivo di tracciare l’evoluzione nel tempo dello stato di salute del singolo e del gruppo, di individuare eventuali scostamenti dall’atteso comparabile per caratteristiche anagrafiche, di verificare se tali scostamenti possano essere messi in relazione con i fattori di rischio lavorativi. Questo assunto ha implicazioni non indifferenti di metodo e di strumenti.
C) Tra gli specifici ed inderogabili compiti del medico del lavoro/medico competente c’è quello di incontrare singolarmente, di dialogare e visitare ogni lavoratore per cui la SS sia attivabile. Questo, tra l’altro, è l’unico modo per cogliere aspetti, rischi e problemi che molto improbabilmente verrebbero evidenziati da letture di documenti e sopralluoghi.
Un’ultima (quasi) battuta visitare ogni cinque anni un impiegato per valutare l’effetto del lavoro a video può essere inutile non perché sia sproporzionato rispetto ai rischi reali ma perché in cinque anni può essere cambiato tutto della sua vita lavorativa: ufficio, mansioni, colleghi, software, hardware, organizzazione del lavoro. Tutte cose che non ci interessano?
Il problema, credo, sia oggi quello di abbandonare la SS la inutile SS, di continuare a trascurare la Valutazione dei rischi e di rifugiarsi nel WHP, nel magico mondi di Heidi

Conte_Vlad_III

Conte_Vlad_III
Provenienza
Pavia
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
379
  • Re: QUANTO E GIUSTO PAGARE UNA VISITA MEDICA ?
  • (09/05/2023 19:00)

Nel mondo in cui "i monti sorridono" e le "caprette fanno ciao" probabilmente il DL81 non esiste (o è stato abrogato). L'istantanea che pero' hai fatto è davvero coinvolgente, aggiungerei anche "la prova di efficacia" di quanto facciamo che pero' forse ci riporterebbe in un battito d'ali ad una quotidianità (leggermente?) più cruda e crudele, sia con i MC sia con i DDL. Sul WHP chi ha avuto il brivido di partecipare ai GdL anche con ATS credo difficilmente dimenticherà quei momenti. Almeno nella PA.

MedicoCompetente.it - Copyright 2001-2024 Tutti i diritti riservati - Partita IVA IT01138680507

Privacy | Contatti