Il portale del Medico del Lavoro Competente

Sezioni del portale

Ricerca

Login

Informazioni

Permesso di lettura:
Tutti gli utenti
Permesso di scrittura:
Utenti registrati

Network

Standards web

Valid XHTML 1.1! Valid CSS!

Ma chi vuole a tutti i costi l'Art. 40?

Questo argomento ha avuto 20 risposte ed è stato letto 5619 volte.

Aure47

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Verbania
Professione
Medico Competente
Messaggi
8
  • Ma chi vuole a tutti i costi l'Art. 40?
  • (27/05/2009 11:21)

Leggo da ramiste, che ringrazio per la compostezza e la tempestività degli interventi,che ci risiamo con l'Art. 40. Francamente mi chiedo chi possa essere (spero non un Collega) a ritenere davvero utile e costruttivo l'invio di quei dati e a quale titolo si adoperi per imporre quest'obbligo ai tantissimi operatori che hanno già massicciamente espresso la loro contrarietà.

ramiste

ramiste
Provenienza
Catania
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
827
  • Re: Ma chi vuole a tutti i costi l'Art. 40?
  • (27/05/2009 11:58)

Per capire meglio la questione posta dal collega, rimando al sito della Società Nazionale degli Operatori della Prevenzione ( http://www.snop.it ) sul quale è stata pubblicata la versione completa degli emendamenti richiesti dalla conferenza delle regioni al testo del decreto correttivo del governo sul DL 81/08. A questo proposito, il parere dei colleghi degli OOVV è stato espresso in varie occasioni ufficiali (incontri, convegni, dibattiti sul tema etc.) .... e anche noi abbiamo cercato di portare il punto di vista dei medici competenti. Si tenga conto, infine, che l'iter di questo provvedimento correttivo è ancora in corso di svolgimento e che fino al 16 Agosto il Governo ha tempo per emanare le modifiche "definitive", tenendo in debito conto l'opinione di tutte le parti in causa, soprattutto a livello istituzionale.

Nonnoguido

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Roma
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
180
  • Re: Ma chi vuole a tutti i costi l'Art. 40?
  • (27/05/2009 18:47)

Perfetto, venga ripristinato dandone l'obbligo di notifica dei dati al datore di lavoro.
Così saranno tutti contenti.

Guido Marchionni

came72

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Bari
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
13
  • Re: Ma chi vuole a tutti i costi l'Art. 40?
  • (28/05/2009 13:13)

L'argomento, art.40 da confermare o da abrogare, è ormai stucchevole. le opinioni sono tutte accettabili ma deve essere chiaro a tutti l'enorme interesse che si cela dietro a queste.
Dichiarare che sia inutile è falso e di parte (leggete il parere snop). cerchiamo invece di modificarlo in modo tale da avere le informazioni realmente utili, non vessare i medici competenti e essere corretti verso i colleghi liberi professionisti che hanno adempiuto a tale obbligo correttamente e onestamente.
grazie

Aure47

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Verbania
Professione
Medico Competente
Messaggi
8
  • Re: Ma chi vuole a tutti i costi l'Art. 40?
  • (29/05/2009 01:50)

Vedo una contraddizione nell'affermare che tutte le opinioni sono accettabili e poi dire che è falso e di parte il parere di chi ritiene di modestissimo interesse la trasmissione di quei dati e la loro elaborazione. Proprio per aver adempiuto correttamente ed onestamente a quell'obbligo mi sono convinto che ci sia sproporzione tra il lavoro richiesto e la (opinabile!) ricaduta in salute e sicurezza. E continuo a pensare che chi fosse, legittimamente, motivato ad avere quei dati non dovrebbe poterli pretendere dagli altri ...a suon di sanzioni.

came72

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Bari
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
13
  • Re: Ma chi vuole a tutti i costi l'Art. 40?
  • (29/05/2009 10:08)

Io contraddizione non ne vedo; accettare le opinioni altrui surrogate da precise motivazioni è d'uopo.
I riscontri positivi degli allegati 3b sono tanti (vedi parere snop) e non legati al possibile utilizzo dei dati per pubblicazioni scientifiche (o pseudo tali).
I dati di natura medica da inserire in tale allegato credo che rientrino tra le competenze dei medici del lavoro, quindi non credo sia una richiesta indebita.
La mia opinione è che molti colleghi vedono con il fumo negli occhi il fatto che i servizi possano controllare il loro operato mediante per esempio la valutazione del protocollo sanitario, oltre al fatto che li costringe ad un maggior carico di lavoro.
Colleghi liberi professionisti scrupolosi e precisi con cui ho parlato non hanno avuto particolari problemi nell'inviare quei dati.
Per quanto riguarda, invece, le modifiche e i miglioramenti, sicuramente necessari, da apportare all'allegato se ne può parlare.

m.digiovanni

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Palermo
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
58
  • Re: Ma chi vuole a tutti i costi l'Art. 40?
  • (05/06/2009 22:03)

Egregi colleghi, dopo aver contestato l'allegato 3b per la sua dubbia utilità da un punto di vista statistico debbo riconoscere che è l'unico documento compilato in collaborazione tra due figure importanti: il DL (o chi per lui) ed il medico competente. Inviato all'asl territorialmente competente riesce a dare informazioni niente male. Mi spiego:
1. quante e quali aziende hanno nominato un medico competente (a qualche collega dell'asl potrebbe venire l'idea di verificare se ad ogni partita iva corrisponde una nomina)
2. Calcolo delle visite/anno effettuate da noi medici competenti (per dimostrare che non è vero che esistono colleghi i quali sarebbero in grado di effettuare 12 - 13 mila visite/anno + centinaia di sopralluoghi).
3. A livello delle varie regioni verificare per esempio rapporti tra aziende presenti sul territorio e nomine.
4. Verificare se i vari protocolli di sorveglianza sanitaria siano congrui (ho sentito dire che in alcune regioni esistono medici competenti che effettuano ai pompisti soltanto la visita medica - no monitoraggio biologico)lo stesso per i resinatori, ecc. - Io non ho creduto a queste favole, ma un controllino spazzerebbe via queste bugie!
5. ecc
6. ecc
Potrei continuare all'infinito e trovo che questi pochi dati possano essere utili anche a noi come categoria di medici del lavoro.
Rimane ad oggi l'unico strumento utile per verificare la nostra esistenza (in epoca 626 c'era l'invio della nomina alle asl).
Certamente dovrà essere migliorato e non abrogato.
Per questo io appartengo a quelli che lo vogliono migliorato e reso strumento utile a tutela di tutti i professionisti che con passione, dedizione, scienza e coscienza si dedicano a questa nobile arte.
Cordialità
Michele

Nonnoguido

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Roma
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
180
  • Re: Ma chi vuole a tutti i costi l'Art. 40?
  • (08/06/2009 20:33)

Complimenti per lo zelo dell'utlimo collega intervenuto: sei d'accordo anche sulla "sanzione amministrativa pecuniaria da 2.500 a 10.500 euro per la violazione dell’articolo 40, comma 1".?
(a proposito, il DL 626 non imponeva l'obbligo della comunicazione della nomina del medico...)

Guido Marchionni

m.digiovanni

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Palermo
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
58
  • Re: Ma chi vuole a tutti i costi l'Art. 40?
  • (08/06/2009 23:47)

Nonnoguido il 08/06/2009 08:33 ha scritto:
Complimenti per lo zelo dell'utlimo collega intervenuto: sei d'accordo anche sulla "sanzione amministrativa pecuniaria da 2.500 a 10.500 euro per la violazione dell’articolo 40, comma 1".?
(a proposito, il DL 626 non imponeva l'obbligo della comunicazione della nomina del medico...)

Egregio collega
per l'invio della nomina, hai ragione. Diciamo che alcune asl sul territorio nazionale gradivano ricevrla.
Per la sanzione - si sono d'accordo, anzi per me potrebbe addirittura essere aumentata di 10 o di 100 volte e ti spiego: ho sempre fatto la relazione sanitaria e quindi aggiungendo semplicemente 3 voci ho risolto il problema come migliaia di altri colleghi.
L'allegato 3 b andrà migliorato, ripensato, modificato cercando di adattarlo alle varie realtà lavorative (p.es.: autonomi, piccole imprese, ecc.) e certamente è necessaria la nostra esperienza e competenza.
Ho saputo che molti medici di medicina generale si sono dimessi perchè effettuare la sorveglianza sanitaria è più impegnativa e complessa (grazie anche a queste piccole novità - a loro dire).
Cordialità
Michele Di Giovanni

came72

Nessun avatar per questo utente
Provenienza
Bari
Professione
Medico del Lavoro
Messaggi
13
  • Re: Ma chi vuole a tutti i costi l'Art. 40?
  • (12/06/2009 10:17)

Cari colleghi,
intervengo ancora, e spero per l'ultima volta, sull'allegato 3b: credo che il messaggio del collega digiovanni dimostri che non tutti i medici competenti lo ritengano inutile e vessatorio.
I risvolti positivi per l'organo di vigilanza ci sono (da noi stiamo già valutando i protocolli adottati dai colleghi) e per tanti medici competenti abituati a lavorare in maniera corretta (vedi digiovanni) non è stato un grande svorzo inviare quei dati perchè già in qualche modo a loro disposizione.
In conclusione possiamo discutere sulle modifiche all'allegato (sicuramente da farsi) o sull'entità della sanzione, ma non sarebbe utile la sua abrogazione per nessuno di noi che opera nella sicurezza del lavoro .
Saluti

MedicoCompetente.it - Copyright 2001-2020 Tutti i diritti riservati - Partita IVA IT01138680507

Privacy | Contatti