Il portale del Medico del Lavoro Competente

Ricerca

Login

Network

Standards web

Valid XHTML 1.1! Valid CSS!

Articoli del mese

Articolo del Mese

La Medicina del Lavoro e le patologie cronico-degenerative (Dicembre 2003)

Gli operai invecchiano prima di manager e dirigenti. Secondo una ricerca inglese, i disturbi e le malattie croniche legate all'età colpiscono chi fa un lavoro manuale anche 20 anni prima rispetto ai loro boss. Secondo i ricercatori dell'University College di Londra, circa un terzo degli operai tra i 5O e i 59 anni soffre di distrubi cronici, che tra i dirigenti, invece, si manifestano nella stessa proporzione solo dopo i 75 anni. Una ricerca, si legge sulla Bbc on line, che conferma il legame a lungo termine tra reddito e salute.

L'indagine, l'English Longitudinal Study on Ageing, è stata condotta su un gruppo di più di 12 mila persone, monitorandone lo stato di salute per più di 20 anni. Dall'analisi dei dati raccolti è emerso che i "colletti blu" sono più a rischio di essere colpiti da problemi cardiaci e psichiatrici rispetto ai loro dirigenti. Non solo. Chi proviene da famiglie a basso reddito spesso fuma e si alimenta in maniera poco salutare, fattori che accelerano la comparsa dei disturbi. "Premesso che oggi siamo tutti più in salute rispetto a 100 anni fa" - spiegano i ricercatori londinesi - "è possibile colmare questo squilibrio migliorando, per prima cosa, le condizioni e l'ambiente di lavoro".

(Londra, 5 dic. Pin/Adnkronos Salute)

Autore
La Redazione di MedicoCompetente.it

Raccomandazione della commissione europea sull'elenco delle malattie professionali (Novembre 2003)

Raccomandazione della commissione europea sull'elenco delle malattie professionali

Con la raccomandazione del 19.9.2003 (2003/670/CE su G.U.C.E. del 25.9.2003) la Commissione europea istituisce un primo elenco europeo delle malattie professionali.

Nello stesso testo viene "raccomandato" agli stati membri, entro il 31 Dicembre 2006 di:

  1. Recepire nelle loro "disposizioni legislative, regolamentari o amministrative" l'elenco europeo delle malattie professionali dell'allegato I.
  2. Introdurre nelle loro "disposizioni legislative, regolamentari o amministrative" norme che garantiscano il diritto all'indennizzo per malattia professionale al lavoratore affetto da patologia non contenuta nell'allegato I della presente Raccomandazione (articolo 1 comma 2).
  3. Favorire la prevenzione di tali malattie (articolo 1 commi 3-4).
  4. Promuovere ricerche nel settore, specialmente riguardo alle malattie ad eziologia professionale dubbia e sui disturbi psico-sociali (articolo 1 comma 7) anche a mezzo di un sistema epidemiologico (articolo 1 comma 6) e coinvolgendo tutti i soggetti interessati nella prevenzione delle malattie professionali (articolo 1 comma 5).
  5. Garantire uno scambio bilaterale tra stati membri e Commissione europea di dati statistico-epidemiologici nonchè di criteri diagnostici (articolo 1 comma 8-9) allo scopo di migliorare la sensibilizzazione dei medici a riguardo di tali patologie.
Autore
Dr. Domenico Taddeo

Programma SIMLII per la formazione continua e l'accreditamento d'eccellenza (Ottobre 2003)

Programma SIMLII per la formazione continua e l'accreditamento d'eccellenza

La Società Italiana di Medicina del Lavoro e Igiene Industriale (SIMLII) ha affrontato in modo sistematico il tema dell'educazione continua dei Medici del Lavoro negli ultimi 4 anni e ha messo a punto un proprio programma che prevede non solo la formazione continua ma anche l'accreditamento del Medico del Lavoro. Le motivazioni che hanno indotto la SIMLII a questa scelta sono molteplici:

  • dall'intrinseca complessità dell'attività del Medico del Lavoro, che richiede l'acquisizione di conoscenze e competenze sempre nuove a causa del continuo mutamento delle tecnologie, dell'organizzazione del lavoro e quindi dei rischi e delle patologie professionali;
  • alla maggiore attenzione, da parte di lavoratori e datori di lavoro, alla professionalità dei Medici del Lavoro;
  • alla richiesta da parte dei Medici del Lavoro di un progetto formativo che possa concludersi con una certificazione di qualità dell'attività professionale svolta.
Autori
Prof. Pietro Apostoli - Prof. Giuseppe Abbritti - Prof. L. Soleo - Prof. L. Ambrosi

Le MP in edilizia: l'esperienza della U.O.O.M.L degli OORR di Bergamo (Settembre 2003)

Le MP in edilizia: l'esperienza della U.O.O.M.L degli OORR di Bergamo

Risultati preliminari di una indagine sanitaria su 1485 lavoratori del comparto edile della Provincia di Bergamo.

G. Mosconi, D. Borleri, L. Belotti, P. Leghissa
UOOML - Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Bergamo

Nella letteratura internazionale sono pochissimi gli articoli sulle malattie da lavoro e sulla loro prevenzione nel comparto delle costruzioni. Eppure, anche i più recenti dati INAIL confermano che questo comparto non solo ha il primato delle morti per infortunio ma anche per il numero delle malattie professionali riconosciute.

Scopo del presente lavoro è quello di riferire i risultati di uno studio promosso dal Comitato Paritetico degli Edili della provincia di Bergamo e realizzato dalla UOOML dell'Azienda Ospedaliera OORR di Bergamo finalizzato alla stima della prevalenza della patologia professionale nel comparto edile.

Autori
Dr. D. Borleri - Dr. L. Belotti - Dr. P. Leghissa - Dr. Giovanni Mosconi

Il MC e le denunce di MP: vi possono essere aspetti di malpractice? (Agosto 2003)

Vorrei dire innanzitutto che sono d'accordo con le considerazioni fin qui fatte dagli altri partecipanti a questo forum ed in particolare sulle cause citate della riduzione del numero di malattie professionali denunciate ed al basso numero di malattie professionali riconosciute.

Queste cause, in sintesi, possono essere fatte risalire anche secondo me a diversi fattori. Da un lato vi è stato sicuramente un mutamento della tipologia di malattie professionali, cioè sono effettivamente quasi scomparse le patologie da accumulo, come quelle da esposizione a forti concentrazioni di inquinanti come silice, asbesto, metalli, solventi e quindi si sono drasticamente ridotte le pneumoconiosi classiche (silicosi, asbestosi), le intossicazioni da metalli e le neuropatie da solventi.

Questo anche grazie ad un reale miglioramento delle condizioni di lavoro e per le attività di prevenzione. È diminuito inoltre il rapporto fra malattie professionali denunciate e malattie professionali riconosciute dall'Inail. In pratica l'Istituto Assicuratore riconosce oggi, nei confronti di alcuni anni fa, un numero inferiore di malattie professionali, a parità di malattie professionali denunciate.

Autore
Prof. Alfonso Cristaudo

Medici competenti anche i medici dello sport? (Luglio 2003)

Medici competenti anche i medici dello sport?

Con una recente sentenza (Cass. civile sez. lavoro, n. 85 dell'8 gennaio 2003) la Corte di Cassazione ha affrontato il problema della sicurezza sul lavoro delle società sportive professionistiche verso i propri tesserati in una luce sostanzialmente nuova: dal ragionamento giuridico della Suprema Corte emerge una chiarissima interpretazione dei doveri di sicurezza delle società professionistiche verso i propri giocatori del tutto sovrapponibili a quelli gravanti su qualunque altro imprenditore. La conseguenza obbligata di tale impostazione è la esplicita attribuzione al ruolo dei medici sportivi societari di un ruolo praticamente sovrapponibile a quello dei medici competenti aziendali.

Autore
Dr. Maurizio Del Nevo

MedicoCompetente.it - Copyright 2001-2020 Tutti i diritti riservati - Partita IVA IT01138680507

Privacy | Contatti