Il portale del Medico del Lavoro Competente

Ricerca

Login

Network

Standards web

Valid XHTML 1.1! Valid CSS!

Articoli del mese

Articolo del Mese

Aspetti clinico-diagnostici in Medicina del Lavoro e Centri specialistici di secondo livello (Luglio 2004)

In questi ultimi anni nel mondo della Medicina del Lavoro si è progressivamente deteriorato il significato, il ruolo, la considerazione sugli aspetti più tipicamente clinico-diagnostici della disciplina.

Questo atteggiamento "negativo" poteva avere un significato ed una giustificazione fino a qualche anno fa in relazione al forte squilibrio delle risorse impiegate nella parte diagnostica rispetto a quella preventiva. La giusta critica a quello squilibrio ha contribuito al rinnovamento culturale e normativo in relazione alla tutela della salute dei luoghi di lavoro prefigurando e permettendo la nascita dei Servizi Pubblici per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro dove anche i medici del lavoro, insieme ad altre figure professionali, impiegano le loro conoscenze prioritariamente verso la prevenzione primaria. Ma oggi che significato ha la clinica in Medicina del Lavoro?

Serve ancora ai lavoratori?

Autore
Prof. Alfonso Cristaudo

Cassazione e cartelle sanitarie e di rischio (Giugno 2004)

Cassazione e cartelle sanitarie e di rischio

Con la sentenza n.2117 del 23 gennaio 2004 la III sezione della Corte di Cassazione torna ad affrontare il problema delle cartelle sanitarie redatte dal Medico Competente ai sensi dell'art.17 del D.Lgs. 626/94.

Nel caso di specie, un Medico Competente veniva rinviato a giudizio per il reato previsto dall'art. 17, comma 1, lettera d), D.Lgs. n. 626/1994, in quanto nella cartella sanitaria e di rischio di un dipendente "non erano elencati i fattori di rischio cui era esposto durante la propria attività lavorativa (e cioè l'acido cloridrico, i residui e derivati di oli minerali esausti, i solventi contenenti glicoli)".

Autore
Dr. Maurizio Del Nevo

Esiste ancora la "Medicina del Lavoro"? (Maggio 2004)

Esiste ancora la "Medicina del Lavoro"?

Raccogliere la sfida dei nuovi tempi per affrontare i problemi della tutela della salute nei luoghi di lavoro. La Medicina del Lavoro è oggi ad un bivio: o ricostruisce una propria unitaria visione, una metodologia e una prassi comune o rischia di languire in mezzo ad una crisi che coinvolge tutti i soggetti attivi nei processi di prevenzione nei luoghi di lavoro.

Una crisi che ha origini dal forte mutamento dell'organizzazione del lavoro ma anche dall'abbandono di una visione "soggettivistica" e "omocentrica" della sicurezza che ha contraddistinto la storia recente della prevenzione.

Le fasi che hanno caratterizzato questi ultimi 25 anni di vita della nostra disciplina hanno avuto un andamento contrastante ed è utile ricordarle per capire meglio quello che succede oggi.

Autore
Prof. Alfonso Cristaudo

Nuove tipologie contrattuali e sicurezza del lavoro (Aprile 2004)

Il decreto legislativo n.276/2003, attuativo della legge n.30/2003, recante delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro contiene previsioni di un certo interesse anche in tema di sicurezza del lavoro.

In queste note ne operiamo una prima ricognizione, individuando quelli che a nostro avviso appaiono i principali snodi problematici.

Autore
Prof. Marco Lai

Tutela della maternità nelle aziende sanitarie (Marzo 2004)

Tutela della maternità nelle aziende sanitarie

Il problema della tutela della maternità in un'Azienda Sanitaria rappresenta sovente un elemento di criticità non trascurabile a causa della presenza, proporzionalmente rilevante, di personale femminile in età fertile e quindi per le ripercussioni sull'organizzazione del lavoro, dovute all'applicazione della specifica normativa, e con i conseguenti rapporti con gli Organi addetti alla vigilanza.

Il Decreto Legislativo del Governo n. 151 del 26 Marzo 2001 prevede le misure per la tutela della sicurezza e della salute delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento fino a sette mesi dopo il parto e il sostegno della maternità e paternità.

Le misure sono prese dal datore di lavoro, per le lavoratrici che hanno informato il datore di lavoro del proprio stato, conformemente alle disposizioni vigenti, fatto salvo quanto previsto dal comma 2 dell'articolo 8 (Esposizione a radiazioni ionizzanti, ove "È fatto obbligo alle lavoratrici di comunicare al datore di lavoro il proprio stato di gravidanza, non appena accertato").

Autore
Dr. Vittorio Gattini

La vaccinazione nei lavoratori della sanità tra obbligo e possibilità (Febbraio 2004)

La vaccinazione nei lavoratori della sanità tra obbligo e possibilità

Gli articoli 1, 32, 35 e 41 della Costituzione giustificano il principio che la salute del lavoratore non è un bene disponibile per il singolo ma tutelato nell'interesse della collettività. Derivano da questo principio gli articoli 2087 del codice civile, che pone in capo all'imprenditore la responsabilità della tutela della salute dei lavoratori e la presenza di una tutela privilegiata per i lavoratori rappresentata dalla tutela INAIL.

Autore
Dr. Pierpaolo Boccalon

MedicoCompetente.it - Copyright 2001-2021 Tutti i diritti riservati - Partita IVA IT01138680507

Privacy | Contatti