Il portale del Medico del Lavoro Competente

Ricerca

Login

Network

Standards web

Valid XHTML 1.1! Valid CSS!

Articoli del mese

Articolo del Mese

Riflessioni sul decreto 388/2003 (disposizioni sul pronto soccorso aziendale) (Luglio 2005)

Riflessioni sul decreto 388/2003 (disposizioni sul pronto soccorso aziendale)

Ormai sono passati 5 mesi dall'entrata in vigore del DM 388/2003, regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del D.lgs 626/94. Come spesso accade tutti gli operatori del settore hanno riposto in questo decreto la speranza che si facesse finalmente chiarezza sui molti punti oscuri legati all'organizzazione del Pronto Soccorso aziendale ma, come spesso accade, sul percorso della sicurezza in azienda ci sono invece ancora molte ombre.

Per cercare di far luce su alcuni aspetti interpretativi di questo decreto il Coordinamento tecnico interregionale della prevenzione nei luoghi di lavoro in collaborazione con il Ministero della Salute ha stilato degli indirizzi applicativi sul DM 388 e si è costituito anche un gruppo di lavoro della SIMLII avente il compito di redarre le linee guida per una migliore applicazione del decreto in oggetto. Parte delle idee espresse nelle linee guida sono state esposte nel recente convegno tenutosi a Pavia il 10 giugno 2005.

Autore
Dr. Aldo Mignani

Il Sito del Monitoraggio Biologico (Giugno 2005)

Il Sito del Monitoraggio Biologico

È stato predisposto un sito interamente dedicato al monitoraggio biologico nei luoghi di lavoro.

Il network nasce da una proposta maturata in seno al 67° Congresso SIMLII e conseguente alla presentazione di un lavoro che ha visto impegnati alcuni tra i maggiori laboratori di istituti universitari del nostro Paese.

Il monitoraggio biologico è strumento essenziale nel controllo dell'esposizione ma, se da un lato è possibile affermare che numerose difficoltà sono superate nel processo di determinazione analitica dei principali indicatori tradizionalmente utilizzati nel monitoraggio biologico, non si può dall'altro ignorare come esistano difficoltà nel rispondere alla richiesta di nuovi indicatori di esposizione.

Autore
La Redazione di MedicoCompetente.it

Medicina del Lavoro e Radioprotezione Medica (Maggio 2005)

Medicina del Lavoro e Radioprotezione Medica

Le attività di sorveglianza dello stato di salute del lavoratore esposto a rischi professionali, nel mondo sempre più complesso ed articolato nel quale debbono essere esplicate, necessitano ormai inevitabilmente di un "codice" comportamentale che possa guidare il medico incaricato nel quotidiano svolgimento delle sue funzioni professionali. È evidente infatti l'importanza di poter disporre di chiari principi di comportamento, che garantiscano prioritariamente la salute del lavoratore, ma che tutelino contestualmente la professionalità del medico.

Un argomento di così ampio respiro non può certamente essere condensato in poche righe; proviamo però ad analizzare alcuni aspetti del problema, e ad ipotizzare quindi alcuni indirizzi comportamentali.

Autore
Roberto Moccaldi

Sicurezza sul Lavoro e Medico Competente: oltre il giudizio di idoneità? (Aprile 2005)

Ecco una nuova sentenza di condanna di un Medico Competente, questa volta incentrata proprio sulle conseguenze medico-legali e legali del giudizio di idoneità. Si tratta di una sentenza penale di 1° grado del Tribunale di Nola che contiene alcuni spunti sicuramente problematici per il futuro della professione di medico competente.

I fatti

Da quanto si riesce a ricostruire a partire dalla lettura del solo testo della sentenza sembra che un lavoratore, assunto in una ditta nel 1970 con la qualifica di perito, veniva nel 1998 trasferito immotivatamente tre volte in differenti stabilimenti, adibito a mansioni estremamente tecniche per le quali non aveva assolutamente la preparazione necessaria, il tutto all'interno di una chiara strategia mobbizzante aziendale.

Autore
Dr. Maurizio Del Nevo

Le Linee Guida SIMLII per la formazione e l'aggiornamento dei MLC (Marzo 2005)

Le Linee Guida SIMLII per la formazione e l'aggiornamento dei MLC

Il Medico del Lavoro-Medico Competente (MLC) in aggiunta a quello che resta il suo compito primario, cioè la sorveglianza sanitaria, sarà sempre più chiamato ad intervenire nell'accertamento, valutazione e gestione dei rischi (auspicabilmente già a partire dalle fasi di progettazione ed avvio di nuove attività produttive), nell'informazione e formazione, nell'organizzazione degli interventi per emergenza e pronto soccorso, nelle iniziative di medicina di comunità intraprese nelle singole aziende, nelle pratiche e contenziosi medico legali. In altre parole il MLC dovrebbe sempre più svolgere un ruolo di vero e proprio consulente delle aziende e dei lavoratori nello studio e nella verifica della compatibilità tra lavoro e uomo e tra uomo e lavoro.

Per affrontare problematiche così numerose, complesse ed in rapida evoluzione, in aggiunta ai tradizionali strumenti (testi, manuali, riviste) di studio ed aggiornamento, sono stati sviluppati, anche nella nostra disciplina, strumenti quali le revisioni sistematiche della letteratura, le meta-analisi di dati pubblicati le linee guida (LG).

Le LG in Medicina hanno l'obiettivo primario di fornire, partendo da informazioni scientifiche e tecniche complete ed aggiornate, raccomandazioni sul modo più corretto di svolgere i propri compiti, in un determinato ambito o relativamente ad un determinato argomento.

Autore

Formazione continua e accreditamento di eccellenza della SIMLII (Febbraio 2005)

Formazione continua e accreditamento di eccellenza della SIMLII

Negli ultimi due decenni la sanità italiana, a causa delle profonde e sempre più rapide trasformazioni culturali e scientifiche intervenute e della crescente limitazione delle risorse disponibili, ha cominciato a confrontarsi sempre più spesso con la ricerca e la valutazione della qualità.

In ambito sanitario si cominciò a parlare di qualità e verifica della qualità circa 30 anni prima che in ambito industriale.

Già nel 1910, negli Stati Uniti, il Dr. Ernest Codman elaborò un sistema per verificare i risultati di un ricovero nel proprio ospedale. Questo sistema venne adottato nel 1913 dall'American College of Surgeons (ACS) che nel 1917 sviluppò per la prima volta degli standard minimi per i servizi forniti dagli ospedali.

Questi furono i presupposti storici per la nascita, nel 1951, dalla fusione di alcune società professionali, tra cui la American College of Surgeons, della Joint Commission on Accreditation of Healthcare Organizations.

Autore
Prof. Giuseppe Abbritti

MedicoCompetente.it - Copyright 2001-2019 Tutti i diritti riservati - Partita IVA IT01138680507

Privacy | Contatti